giovedì 20 Giugno 2024

La Normale di Pisa approva una mozione per lo stop alla collaborazione con Israele

In seguito alla netta presa di posizione dell’Università di Torino, che lo scorso 19 marzo ha approvato la mozione che vieta la partecipazione al bando MAECI 2024 di collaborazione con università ed enti di ricerca israeliani, alla protesta si è allineata anche la Normale di Pisa, che ha formalmente chiesto di rivalutare l’accordo. Il Senato accademico ha infatti approvato una mozione presentata dagli studenti attraverso cui si chiede al governo – nello specifico a MUR e MAECI – “di assicurare alla comunità scientifica che tutti i bandi e i progetti da essi promossi per favorire la cooperazione industriale, scientifica e tecnologica con altri stati rispettino rigorosamente i principi costituzionali, con particolare riferimento all’art.11” e in particolare al MAECI di “riconsiderare il ‘Bando Scientifico 2024’ emesso in attuazione dell’Accordo di cooperazione industriale, scientifica e tecnologica Italia-Israele”. Nel frattempo, da Nord a Sud, decine di università si stanno organizzando per una grande mobilitazione che andrà in scena a inizio aprile, nella settimana antecedente alla scadenza del Bando.

Nella mozione approvata in Senato accademico, la Scuola Normale di Pisa afferma di “essere chiamata, insieme a tutta la comunità scientifica internazionale, non solo ad attestare concretamente la propria solidarietà, ma anche a riflettere criticamente ad ampio raggio sulle ramificazioni del proprio lavoro”, essendo all’ordine del giorno “circostanze di eccezionale e crescente gravità”. Oltre a chiedere al MAECI la riconsiderazione del Bando Italia-Israele, l’Ateneo si impegna, in coerenza con quanto sancito dalla Carta Costituzionale, “a esercitare la massima cautela e diligenza nel valutare accordi istituzionali e proposte di collaborazione scientifica che possano attenere allo sviluppo di tecnologie utilizzabili per scopi militari e alla messa in atto di forme di oppressione, discriminazione o aggressione a danno della popolazione civile”, come sta avvenendo “in questo momento nella striscia di Gaza”. Conferendo al Direttore il compito di farsi portavoce in tutte le sedi istituzionale, e in particolare al MUR, al MAECI e alla CRUI, delle posizioni espresse nella mozione, la Scuola si impegna a “promuovere il confronto e il dialogo tra tutte le componenti della sua comunità” in merito agli “sviluppi della situazione in Palestina”, chiedendo la convocazione entro la fine del mese di aprile di “un’assemblea generale dedicata al tema”, favorendo al contempo “altre iniziative”. L’approvazione della mozione è il frutto di una lunga e intensa battaglia che ha visto protagonisti gli studenti della Scuola: «Abbiamo scioperato dalla nostra quotidianità, bloccando le lezioni e la mensa il 20 marzo per rompere una normalità basata sul silenzio e per interrompere la complicità tra i saperi che produciamo e le guerre: davanti a un genocidio la neutralità è complicità», hanno commentato gli universitari.

Le medesime istanze saranno promosse anche da molte altre università in tutta Italia. Dopo i casi di Torino e Pisa, sono almeno 20 gli atenei – tra cui Roma Tre e Tor Vergata, Trento, Firenze, Pisa, Milano e Milano-Bicocca, Napoli e Bologna – che manifesteranno contro il Bando MAECI Italia-Israele. In occasione di un’assemblea nazionale telematica svoltasi tre giorni fa tra un centinaio di studenti, professori, ricercatori, dottorandi e personale tecnico amministrativo firmatari dell’appello per il ritiro del Bando, è stato infatti dato il via libera a una mobilitazione per la settimana compresa tra il 3 e il 10 aprile, giorno in cui scadranno i termini per la presentazione dei progetti congiunti di ricerca industriale, scientifica e tecnologica italo-israeliani. Il 9 aprile avrà poi luogo uno sciopero rivolto al comparto universitario, indetto da USB Università, con annesso presidio davanti alla Farnesina.

[di Stefano Baudino]

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Ti è piaciuto questo articolo? Pensi sia importante che notizie e informazioni come queste vengano pubblicate e lette da sempre più persone? Sostieni il nostro lavoro con una donazione. Grazie.

Articoli correlati

2 Commenti

  1. Non si spara al branco, si spara al Capo criminale Hitler o Netanyahu che sia, cessino la collaborazione con Netanyahu e abbiano il coraggio di dichiararlo persona non grata, se loro non ne hanno il coraggio da così lontano, come possono pretendere che lo abbiano i suoi compagni di Partito o di Governo?

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Articoli nella stessa categoria

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI