giovedì 30 Maggio 2024

Austerità, estrattivismo e dollarizzazione: il laboratorio “anarcoliberista” di Milei

A tre mesi dall'insediamento di Javier Milei come Presidente dell'Argentina, è tempo di tracciare un primo bilancio delle promesse dell'autoproclamato "anarcoliberista". Nonostante il fatto di non avere la maggioranza parlamentare, il presidente, ha cominciato il suo mandato con piglio decisionista e cercando di scardinare il potere dei corpi intermedi, a cominciare dai sindacati, storicamente forti nel Paese. Governando con ampio uso di decreti e sistematica repressione del dissenso nelle piazze. Le prime misure sono all'insegna della dollarizzazione dell'economia, della deregolamentazione su...

Questo è un articolo di approfondimento riservato ai nostri abbonati.
Scegli l'abbonamento che preferisci 
(al costo di un caffè la settimana) e prosegui con la lettura dell'articolo.

Se sei già abbonato effettua l'accesso qui sotto o utilizza il pulsante "accedi" in alto a destra.

ABBONATI / SOSTIENI

L'Indipendente non ha alcuna pubblicità né riceve alcun contributo pubblico. E nemmeno alcun contatto con partiti politici. Esiste solo grazie ai suoi abbonati. Solo così possiamo garantire ai nostri lettori un'informazione veramente libera, imparziale ma soprattutto senza padroni.
Grazie se vorrai aiutarci in questo progetto ambizioso.

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Ti è piaciuto questo articolo? Pensi sia importante che notizie e informazioni come queste vengano pubblicate e lette da sempre più persone? Sostieni il nostro lavoro con una donazione. Grazie.

Articoli correlati

4 Commenti

  1. C’è da chiedersi come sia stato possibile votare ed eleggere un simile individuo… di fronte a risultati come questo, ma anche come quello italiano, viene da chiedersi se una “democrazia” sia davvero possibile. A quanto pare le masse popolari scelgono sua sponte l’oppressione, la povertà, la negazione dei diritti e in definitiva la criminalità.

  2. C’è la cupola criminale che dagli USA comanda il mondo e fa fallire qualunque Governo Sociale, ora che c’è in Argentina un Governo filo USA, mi sembra si debba lasciarlo lavorare in pace e poi vedere se effettivamente il liberismo sfrenato unito al servilismo verso gli USA fanno miracoli, giusto sapere.
    Sapremo anche se fallisse che gli USA sono solo i peggiori ladri e assassini al Mondo.

  3. Anche i pazzi servono a qualcosa, a far vedere ciò che non deve essere fatto! Milei è un pazzo scriteriato o un frustrato cosciente sul fatto che sta portando il paese verso una catastrofe identica a quella di vent’anni fa, e lo fa per motivi che son tutti da chiarire. Ma l’epilogo è chiaro a tutti. Purtroppo anche la gestione precedente non è riuscita a contenere il meccanismo inflattivo entro limiti ragionevoli, e questo ha fatto credere che lo strumento monetario indipendente da altre valute estere non fosse adeguato. Il perché e il per come del fallimento di tale strumento fondamentale, l’unico per poter garantire l’equità sociale ed economica, è tutto da comprendere. Temo che lo abbiano voluto far fallire proprio quelle forze che non desiderano tale equità e Milei ne è il degno rappresentante. Si cavalca un malcontento elettorale proponendo una soluzione che non è una soluzione, magari sfruttando meccanismi elettorali iniqui. Ogni nazione deve, a questo punto, affrontare le sue giuste prove per comprendere i suoi errori sociali e ideologici.

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Articoli nella stessa categoria

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI