venerdì 12 Aprile 2024

Il “giorno X” è arrivato: il movimento Free Assange chiama gli italiani alla mobilitazione

Con una lettera indirizzata a tutti gli italiani, il movimento Free Assange chiama i cittadini alla mobilitazione generale in vista della data cruciale del 20 febbraio, quando presso l’Alta Corte di Londra comincerà l’udienza decisiva per stabilire se il fondatore di WikiLeaks – recluso nel carcere londinese di Belmarsh dal 2019 – verrà o meno estradato negli Stati Uniti, dove rischia fino a 175 anni di carcere per aver svelato segreti sgraditi al governo americano. L’invito, per chi può, è a recarsi a Londra, dove si terrà una grande manifestazione in supporto di Julian Assange in contemporanea con l’udienza. A tal fine, si stanno organizzando i gruppi per la partenza da tutta Italia. Tutti coloro che non potranno spostarsi nella capitale britannica sono invece invitati a partecipare a una delle quattro manifestazioni che il 20 e 21 febbraio si terranno nella Penisola, in particolare a Milano (davanti al Consolato britannico), a Roma (davanti all’Ambasciata britannica), a Napoli (davanti al Consolato degli Stati Uniti) e a Catania (davanti alla Prefettura).

“L’estradizione negli Stati Uniti” e “una condanna” di Assange “solamente per averci informato circa crimini di guerra, crimini commessi dalle istituzioni, torture sistematiche di prigionieri” – scrive Free Assange – “comporterà per noi la fine del giornalismo investigativo libero e la fine del diritto ad essere informati sulle notizie di interesse pubblico”, nonché “il protrarsi delle ingiustizie e dei crimini commessi dagli Stati contro persone indifese, con la conseguente impunità in quanto tutto ciò sarà catalogato come segreto di Stato”. Per questo motivo, l’appello del movimento è quello di “condividere con tutti e ovunque questa notizia” e “partecipare in massa” ai raduni mondiali in vista per il 20 e il 21 febbraio, manifestando “pacificamente” il proprio sostegno all’attivista australiano e alla sua famiglia. A condividere con il gruppo Free Assange queste informazioni, chiedendo massima partecipazione alle persone in tutti i Paesi, è stata Stella Morris, avvocatessa di Assange e sua consorte dal marzo 2022, quando la coppia si è sposata all’interno del carcere di Belmarsh.

A decidere sul destino di Assange sarà un collegio composto da due giudici, chiamati a riesaminare una decisione dell’Alta Corte adottata da un giudice monocratico lo scorso 6 giugno 2023, che aveva negato all’attivista australiano il permesso di fare appello. Due i possibili esiti: da un lato si potrà stabilire che Assange abbia ancora l’opportunità di discutere il suo caso davanti ai tribunali nazionali inglesi (ma ciò non gli consentirebbe comunque di uscire dalle mura della prigione di Belmarsh per tutta la durata del nuovo ricorso); dall’altro, si potrà invece sancire che l’imputato avrà esaurito i ricorsi a sua disposizione. Da qui si aprirebbe la procedura di estradizione negli Usa. Se dovesse perdere anche questa battaglia, Assange avrà come ultima possibilità solo quella del ricorso alla Corte Europea dei Diritti dell’Uomo, facendo scattare un articolo, il n. 39, che proibisce l’estradizione mentre il caso è sotto esame.

[di Stefano Baudino]

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Articoli correlati

3 Commenti

  1. Vi aspettiamo domani sabato 27 gennaio , a Verona, in via Mincio 12, presso la sala Alberto Benato, alle ore 20 ; avremo ospite la scrittrice Sara Chessa che presenterà il suo ultimo libro sul caso Assange e sulla libertà di pensiero e diritto alla informazione. Per il nostro futuro, per Julian Assange e per chi vuole difendere i diritti umani e costituzionali, partecipare è necessario!

  2. Qualche cretino crede ancora che i movimenti per Assange siano a favore di Julian, ma invece sono per salvare noi, per salvarci dal diventare tutti schiavi del vincitore della lotteria del potere, con tutte le guerre ed eliminazioni di massa conseguenti.

  3. Il prossimo sabato, 27 gennaio, a Verona, il Movimento3V porta il focus sulla questione Assange ovvero libertà di stampa e diritto alla informazione; vi aspettiamo numerosi in via Mincio 12, presso la sala Alberto Benato in città, dalle ore 20 alle ore 22 circa. Sarà presente la scrittrice Sara Chessa che presenterà il suo ultimo libro ” Distruggere Assange ” . Data l’importanza dell ‘ argomento trattato, spero possiate coinvolgere altre persone sensibili al tema dei diritti fondamentali dei cittadini e del diritto di Julian Assange alla libertà. Per favore passate parola ! Prenotazione del posto al numero 349 1589754

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Articoli nella stessa categoria

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI