venerdì 12 Aprile 2024

“Squillo di pernacchie”: gli anarchici sfidano i giudici tornando a pubblicare Bezmotivny

“Annunciato da uno squillo di pernacchie per il dott. Manotti [PM dell’inchiesta, ndr] e la triste coorte dei censori, in occasione dell’inizio del processo contro Gaia, Gino, Luigi e Paolo, schivando come in una favola di Natale i sicari di Erode, Bezmotivny è tornato”. Torna con queste parole il bisettimanale anarchico Bezmotivny, sotto inchiesta della procura di Genova per i suoi testi considerati “sovversivi”. Nonostante gli arresti, le perquisizioni e i sequestri di materiale cartaceo, tecnologico e utile alla stampa, i libertari non si danno per vinti e annunciano un nuovo numero della rivista, disponibile a 2 euro sui siti online.

“Questo numero speciale è innanzitutto una risposta alla repressione che vorrebbe mettere a tacere la nostra editoria, frutto delle fatiche collettive di diversi anarchici in varie località. Perché perseverare nella propaganda anarchica significa in primo luogo non fare passi indietro rispetto a chi vorrebbe tapparci la bocca, consapevoli che il terreno che abbandoneremo oggi non sarà facile recuperarlo domani,” scrivono nel testo di accompagnamento alla notizia. Si susseguono infatti sempre più frequentemente le operazioni contro la stampa anarchica e contro gruppi di libertari, verso i quali sembra quasi normalizzata la pesante accusa di “terrorismo” per le loro idee o azioni. Secondo gli anarchici legati – e non – al circolo Goliardo Fiaschi di Carrara, è necessario rispondere a questo attacco giudiziario. E mentre il teorema repressivo entra nel vivo ed arriva in aula con gli anarchici chiamati a processo, il giornale sequestrato torna in edicola.

Martedì 16 gennaio si è tenuta la prima udienza con giudizio immediato a carico di 4 dei 10 imputati nell’operazione Scripta Scelera, l’inchiesta che vede processare vari esponenti libertari per “istigazione a delinquere con finalità di terrorismo”, “stampa clandestina” e “offesa all’onore e al prestigio del presidente della Repubblica”. L’udienza avrebbe dovuto tenersi il 9 gennaio, ma a causa di un vizio di forma era stata subito rinviata. Il giudizio immediato permette di saltare l’udienza preliminare perché, a detta del giudice, ci sono elementi sufficienti per sostenere il processo, ma non comporta nessuno sconto di pena. A causa di un cambio del magistrato giudicante – dalla dottoressa Antonella Basilone al dottor Fabrizio Garofalo – è stata disposta una nuova udienza per l’apertura del dibattimento, fissata per l’8 marzo alle ore 15. Il 21 febbraio si terrà invece l’udienza in Cassazione sulle misure cautelari. In aula era presente anche il pm Federico Manotti, della DDA di Genova, che ha richiesto che vengano mantenute le scorte agli imputati per l’accesso futuro in aula.

“La volontà di far uscire un nuovo numero di Bezmotivny, però, non può essere ridotta a un mero fallo di reazione rispetto alle iniziative repressive messe in atto dal nemico di classe; nasce piuttosto dal sentimento di attualità e di continuità con la storia e le idee che hanno contraddistinto il quindicinale anarchico internazionalista. I venti di guerra che sferzano in sempre più regioni del pianeta sembrano sussurrare che il capitalismo sta di nuovo per trascinare l’umanità in una carneficina mondiale. Ci vogliono allineati, con l’elmetto in testa a gridare: signorsì! Le voci dissenzienti devono essere messe a tacere, i giornali anarchici vanno chiusi, i prigionieri che continuano a contribuire al movimento rivoluzionario vanno sepolti in 41 bis. La repressione non è altro che questo: la guerra del fronte interno” scrivono gli autori.

[di Moira Amargi]

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Articoli correlati

4 Commenti

  1. Io mi faccio vivo. Ritengo che la considerazione di A. Schaunard sia interessante. È vero: come abbonato a questo giornale liberale e democratico nel più ampio senso di questa parola mi meraviglio come ci siano pochi commenti anche ad articoli che per sé sono stimolanti e attualissimi. La redazione pobabilmente se lo sarà chiesto e avrà analizzato le posibili cause. Un commento od un articolo dei redattori non guasterebbe. Buon lavoro.

  2. Eccomi! Giusta riflessione. Alziamo la testa! Non si chiedono gesti “eroici” o dimostrativi, ma una presenza esplicita attraverso le parole, le riflessioni , in definitiva l’espressione di un pensiero non mainstream. Di questi tempi non è poco, come non è poco il contributo di questa testata giornalistica, che leggo sempre volentieri come abbonato.
    Il commento di A. Schaunard secondo me ha un valore generale, ma il fatto che appaia in calce ad un articolo che denuncia proprio la repressione della stampa non allineata non credo sia casuale. Negli anni 70/80, pur non appartenendo a nessuna organizzazione terroristica o “fiancheggiatrice”, leggevo periodici (venduti nelle edicole) che riproducevano tutti i volantini e le rivendicazioni dei gruppi armati quali BR e Prima Linea. Lo facevo per poter essere informato, niente di più. Oggi…….fantascienza! Ma di quella distopica……

  3. Vorrei sfruttare questo post per fare una riflessione: notando che a commentare le notizie pubblicate siamo al massimo una decina, mi chiedo se siamo abbonati solo in dieci a questo giornale oppure se tutti gli altri non sentono mai il bisogno di dire la propria opinione?
    Capisco che i commenti non portano a nulla ma è sempre interessante leggere opinioni altrui.
    Se abbiamo timore di essere schedati dalle forze dell’ordine sappiate che lo siamo già tutti per il solo motivo di essere abbonati ad una rivista non allineata.
    Scusate.

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Articoli nella stessa categoria

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI