domenica 21 Luglio 2024

Israele non può pretendere la pace finché i palestinesi non avranno giustizia

Le cosiddette democrazie occidentali e i loro media dominanti stanno recitando il mantra in coro: “Israele ha diritto a difendersi”. Sarebbe ora che dicessero anche a cosa pensano abbiano diritto i palestinesi. Il loro diritto è forse quello di subire con rassegnazione l’occupazione del loro territorio? “Dobbiamo appoggiare Israele perché è l’unica democrazia del Medioriente”, dicono i padroni del discorso pubblico. Ma che democrazia è quella che colonizza terre che non le appartengono e ai popoli che lì abitano applica un regime brutale fatto di villaggi bruciati e spazzati via, scuole demolite, comunità rase al suolo, attacchi militari ai campi profughi, supporto a coloni armati a cui è permesso di attaccare i palestinesi, carceri piene di prigionieri politici detenuti senza processo (molti dei quali minorenni), giornalisti attaccati e uccisi, famiglie sfrattate e case confiscate, civili brutalmente aggrediti dai militari durante le preghiere nei luoghi sacri? Se non credete che questa sia la realtà potete verificare l’archivio de L’Indipendente (a molti di questi fatti abbiamo dedicato articoli pieni di fonti) o se – legittimamente – non volete credere a noi, potete leggere il rapporto sulle condizioni di vita nei territori occupati palestinesi redatto da Amnesty International, dove si parla senza mezzi termini di un regime di “apartheid”, la stessa parola con la quale veniva definito il brutale regime di segregazione razziale che esisteva in Sudafrica.

La verità è che le azioni intraprese dalle sigle della resistenza palestinese sono il prevedibile risultato di decenni di occupazione e sistematici soprusi. Quello a cui assistiamo è la riaffermazione di una legge della storia: non può esistere pace senza giustizia. La lotta dei palestinesi è della stessa radice di quella dei sudafricani che si ribellarono alla segregazione razziale e di quella degli algerini e degli altri popoli che, armi in pugno, si liberarono del colonialismo conquistando il diritto ad avere una propria patria. Quello che i palestinesi rivendicano è niente di più di quanto è sancito dalle convenzioni internazionali: il diritto di ogni popolo sottoposto a dominazione straniera a poter autodeterminare il proprio destino.

L’attacco è partito dalla striscia di Gaza, e vale la pena spiegare in poche parole cos’è Gaza da quando, nel 2007, lo stato di Israele l’ha cinta d’assedio. L’immagine più utilizzata dai suoi abitanti per spiegare cosa significhi viverci dentro è paragonarla a una scatola di sardine. La forma è la medesima, 41 km di lunghezza per 10 di larghezza dove vivono oltre due milioni di persone. Da Gaza non si può uscire né entrare senza il permesso dell’autorità israeliana, che controlla il traffico per via terrestre e navale dopo aver reso impossibile quello aereo distruggendone l’aeroporto. Israele controlla anche ogni risorsa: gestisce la fornitura di energia elettrica e acqua potabile (che taglia a proprio piacimento), l’ingresso e l’uscita di ogni bene incluso cibo e forniture mediche. Il risultato è che a Gaza, dove la metà della popolazione è composta da minorenni, il 95% dell’acqua non è potabile e il 64% della popolazione vive in condizioni di insicurezza alimentare. Tutti quanti vivono nella privazione totale di ogni libertà. La colpa per la quale i suoi abitanti meritano questo trattamento indegno secondo ogni principio umano? Aver votato, nel 2006, l’ascesa al potere di un partito che prometteva di riprendere la lotta per l’indipendenza: Hamas.

La guerra è una pratica orrenda, dove a morire sono quasi sempre gli innocenti. Tutte le persone dotate di umanità desiderano che sia relegata alle pagine oscure della storia. Ma la lettura data dal potere politico-mediatico occidentale, dove Israele è la democrazia pacifica che si difende da pazzi terroristi, è talmente falsa da poter essere il frutto solo di impareggiabile ignoranza o gigantesca malafede. Siccome non credo che la totalità dei politici e dei colleghi sia ignorante (anche se i casi non mancano), propendo per la seconda tesi. La guerra in Palestina c’è da lunghi decenni, ed esiste anche quando i media non ne parlano. Sapete quanti sono i palestinesi che sono stati uccisi dalle forze israeliane negli ultimi 15 anni – prima dell’attacco di venerdì notte – senza che nessuno tra i media dominanti parlasse del diritto alla difesa dei palestinesi? 6.407. Gli israeliani, invece, 307.

Se si vuole che finisca la guerra l’unica possibilità è la fine dell’occupazione: il ritiro di Israele all’interno dei territori che le sono legalmente assegnati e la nascita di uno Stato di Palestina libero e indipendente. Fino a quando non avverrà niente potrà fermare la legge della storia: nessuna pace senza giustizia. E i popoli oppressi hanno il diritto di ribellarsi con i mezzi che reputano appropriati.

[di Andrea Legni – direttore de L’Indipendente]

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Ti è piaciuto questo articolo? Pensi sia importante che notizie e informazioni come queste vengano pubblicate e lette da sempre più persone? Sostieni il nostro lavoro con una donazione. Grazie.

Articoli correlati

15 Commenti

  1. Grazie Direttore! Da marzo 2020 non guardo più i TG in TV e mi limito a confrontare le notizie dal web. Non mi sottraggo però alla lettura di articoli del Mainstream, anche se con molta fatica. Devo farlo per non diventare come quelli del Mainstream che non accettano di confrontarsi con le opinioni degli altri. Il disgusto nei confronti del Mainstream resta però intatto ad ogni lettura, anzi si fortifica. Mi sento come Mr. Smith che esprime a Morpheus tutto il suo disgusto per il genere umano, anche se il mio disgusto riguarda solo il mondo Occidentale e la sua arroganza politica, culturale e militare. Occorre un Neo e subito!

  2. Il problema in realtà non sono i media ma il fascista Governo Italiano e con fascista intendo un governo culturalmente arretrato, dominato dagli USA come prima lo erano dalla Germania, privo totalmente di aspirazioni umanitarie, ma solamente Gerarchico, criminale nel sostenere le guerre oltretutto altrui.
    Ovviamente quando un paese accetta di farsi guidare da un criminale come Netanyahu Dio stesso si risveglia punirlo così come punirà l’Italia che continua nel male.

    • Non credo sia cambiato molto in termini di politica estera da quando si è insediato questo Governo,
      Il PD, la Lega, i 5Stelle e tutti gli altri hanno fatto lo stesso, magari in forma meno appariscente, ma in sostanza sempre proni ai dettami di altri (che ben conosciamo).
      Per fare un esempio, ora il PD si straccia le vesti per come la destra gestisce la questione migranti, ma non ricorda chi fece un trattato scellerato con i paesi del nord Africa per trattenere la gente nei Lager al di là del Mediterraneo. Minniti Docet. Da allora il mio voto alla sinistra è scomparso.

      • Concordo che a sinistra c’è poco di meglio, ma con Indipendente, l’Antidiplomatico, vari giornalisti non schierati e obbiettivi, mi sembra che un pizzico di luce anche qui in Italia si comincia ad intravederla, basterà diventi forza politica.

  3. Lo stato più militarizzato del mondo si è fatto sorprendere all’improvviso? Mi puzza tanto di 11 settembre questo attacco, Israele non aspettava altro per poter sferrare un attacco simile nei confronti della Palestina, considerato anche il consenso ai minimi storici del governo netanyahu. E la propaganda occidentale subito pronta a difendere i più potenti

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Articoli nella stessa categoria

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI