venerdì 19 Luglio 2024

Teheran, agenti sparano su manifestanti

Ad un anno dalla morte di Mahsa Amini – la ragazza uccisa in Iran dopo essere stata arrestata per non aver indossato correttamente il velo – in varie città del Kurdistan sono stati organizzati scioperi e proteste per ricordarla. Secondo quanto si apprende da video pubblicati sui social media, le forze di sicurezza hanno sparato contro alcuni manifestanti a Teheran. Altri sono stati arrestati ed è stato impedito l’accesso ai cimiteri dove sono sepolti i contestatori uccisi negli scontri avvenuti durante le proteste dello scorso anno. Amjad Amini, il padre di Mahsa, è stato arrestato mentre lasciava la sua abitazione e si troverebbe ora ai domiciliari. Lo fanno sapere la ONG Hengaw e vari account di dissidenti iraniani sui social media.

Ultime notizie

Corte Internazionale di Giustizia: gl insediamenti israeliani in Palestina sono illegali

La Corte Internazionale di Giustizia (CIG) ha stabilito che gli insediamenti israeliani in Palestina violano il diritto internazionale. Il...

Con un voto del Parlamento Israele ha finalmente ammesso la sua natura coloniale

«La Knesset si oppone fermamente alla creazione di uno Stato palestinese», perché «rappresenterebbe un pericolo esistenziale per lo Stato...

Fare società altrove: la comunità filippina di Milano e la pallacanestro come mezzo culturale

Secondo il censimento del 1° gennaio 2023 la seconda popolazione extracomunitaria più numerosa nella città di Milano è quella...

Crowdstrike: il bug del computer che sta impallando il mondo intero

All’albeggiare del 19 luglio, il popolo australiano si è svegliato e ha scoperto che molti dei computer di aziende...

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI