mercoledì 28 Febbraio 2024

Chiapas, continua la mobilitazione zapatista in tutto il mondo

Dal 13 al 16 luglio si è svolta una nuova mobilitazione globale in sostegno della popolazione della regione messicana indigena del Chiapas che chiede aiuto e solidarietà per resistere alla guerra silenziosa che il governo di Città del Messico continua a portare avanti in modo strisciante contro lo storico autonomismo e spirito di indipendenza che anima il popolo chiapaneco. Militarizzazione, repressione, violenze, sequestri, omicidi mirati, espropriazione delle terre e rilocalizzazione della popolazione sono gli elementi denunciati di questa guerra governativa che rischia seriamente di divenire aperta, con la prospettiva di portare a una guerra civile.

L’azione globale ha avuto eco a Morelos, Jalisco, Veracruz, Michoacán, Chiapas, Baja California e Oaxaca, e in altre nazioni come Francia, Grecia, Stati Uniti, Spagna e Germania, dove artisti, musicisti e attivisti hanno protestato per le strade, distribuito striscioni, dipinto graffiti, gridato slogan e tenuto seminari per chiedere il rispetto dell’autonomia dell’EZLN e l’immediata cessazione delle aggressioni armate contro le comunità in Chiapas. «Veniamo a dire che le nostre sorelle e fratelli dell’Esercito Zapatista di Liberazione Nazionale non sono soli, che non sono soli, che chiediamo la fine dell’attacco contro l’EZLN e, a nostra volta, l’immediata libertà del compagno Manuel Gómez Vázquez, base di appoggio zapatista, e alziamo il pugno dal basso e a sinistra per dire mai più un Messico senza di noi», ha comunicato il Congresso Nazionale Indigeno durante un sit-in politico-culturale di fronte al Palazzo Nazionale di Città del Messico per dodici ore.

I membri della Tejiendo Organización Revolucionaria aderenti alla sesta dichiarazione della Selva Lacandona (TOR), hanno messo in guardia contro i gruppi paramilitari e la criminalità organizzata che tiene sotto controllo le comunità zapatiste, data la complicità dell’esercito e della Guardia Nazionale, nonché l’assenza del governatore dello stato, Rutilio Escandón Cadenas. Itzael Magaña, rappresentante di TOR a Città del Messico, durante le sessioni informative tenute al Monumento alla Rivoluzione, ha affermato che le comunità non solo sono attaccate e sfollate dalle loro comunità dalla criminalità organizzata, ma sono anche vittime di gruppi paramilitari. «Curiosamente il Chiapas è una delle entità con più basi della Guardia Nazionale, con più truppe, se tutto il paese è militarizzato Chiapas più, con il pretesto di combattere le migrazioni, quello che è certo è che la violenza aumenta, i gruppi shock, al servizio dei narcos, aumenta la distruzione del tessuto sociale, la migrazione non si ferma, Al contrario aumenta, è molto chiaro che quando si militarizza l’area si rende illegale il transito delle persone, si incoraggiano gli affari, i coyote fanno pagare di più», ha detto Itzael Magaña.

I membri dell’Organizzazione Regionale dei Coltivatori di Caffè di Ocosingo (Orcao) hanno attaccato con armi da fuoco le comunità autonome zapatiste situate nella regione di Moisés Gandhi e bruciato appezzamenti di terreno e edifici. Gli ultimi episodi di violenza fanno parte di una lunga lista per cui, il mese scorso, le comunità zapatiste avevano già manifestato pubblicamente la grave situazione sociale. A niente sono quindi valse le proteste di giungo scorso, a cui sono seguiti altri episodi di brutale violenza contro le comunità locali.

Neanche la presenza di un socialista – seppur moderato e non certo libero da compromessi con i settori storici del potere profondo messicano – come Andrés Manuel López Obrador alla presidenza del Messico ha potuto o voluto fermare questo progressivo espandersi del potere capitalista e della sua forza armata che, nel caso specifico, è incarnata dalle forze di sicurezza e militari del Paese, che in molti casi si è dimostrata lassista se non addirittura complice di bande e organizzazioni criminali e paramilitari – che sembrano svolgere una sorta di lavoro sporco per conto terzi in cambio di terre e possibilità di business. In fondo, la storia recente del Messico ci ricorda la profonda commistione tra apparati dello Stato e organizzazioni criminale e paramilitari, nonché, ovviamente, da una radicata corruzione.

[di Michele Manfrin]

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Articoli correlati

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Articoli nella stessa categoria

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI