giovedì 18 Luglio 2024

Sull’Isola d’Elba è boom di nidi di tartarughe marine: si cercano volontari

All’Isola d’Elba quest’anno è stato registrato un nuovo record nella nidificazione di tartarughe marine Caretta caretta. Si tratta di una specie che fino al 2016 era in pericolo d’estinzione e importante per il mantenimento degli equilibri marini. Cinque le nuove nidificazioni scoperte, le cui schiuse sono previste tra metà agosto e metà settembre. Per poter monitorare le spiagge e la nascita delle tartarughine, l’associazione Legambiente rende noto che saranno però necessari molti più volontari di quelli attualmente attivi. L’appello è rivolto a tutti gli Elbani, a tutti gli ospiti dell’associazione e agli operatori turistici che possono diventare volontari.

Le Caretta caretta sono particolari tartarughe marine caratteristiche dell’Isola d’Elba ma presenti anche nell’oceano Atlantico, Indiano e Pacifico. La loro lunghezza è tra i 100 e i 150 cm. Trascorrono la loro vita in profondità, tornando a galla soltanto per respirare. Sott’acqua possono raggiungere la velocità di 35 km/h e sono animali onnivori. La specie era considerata a rischio estinzione fino al 2016 ma ora è fortunatamente fuori pericolo. In tutta la Toscana c’è la possibilità di nidificazione. Sono stati registrati tentativi da Tirrenia (PI) fino a Capalbio (GR). Una pubblicazione dell’Osservatorio Toscano Biodiversità contiene informazioni utili ad individuare eventuali nidificazioni, che solitamente avvengono tra il mese di giugno e quello di settembre. Il fine è proteggere le covate per i 60 giorni necessari alla schiusa. Tra mezzanotte e le 6:00 del mattino, le tartarughe scelgono una spiaggia (talvolta anche attrezzata per i turisti) e depositano fino a 120 uova a circa 50cm di profondità tra i 5 e i 20 metri dalla battigia.

Nonostante lo stupore provocato dalle nascite nel 2021 e nel 2022, nel 2023 per l’Isola d’Elba è un record: ci sono state 5 nidificazioni a Galenzana, Marina di Campo e Fetovaia, Lacona e spiaggia del Capitanino. Le schiuse sono previste tra metà agosto e metà settembre, e alcune saranno molto ravvicinate tra loro. Questo comporta però che i “tartawatcher” organizzati da Legambiente dovranno essere molti di più. È necessario monitorare fin da subito le spiagge (1 ora la mattina presto) e poi la nascita delle tartarughine (in turni di 6 ore per 2 persone h24). È per questo che mercoledì 20 luglio alle 17:00 Legambiente Arcipelago Toscano spiegherà a tutti gli interessati come si può partecipare al volontariato volto a conservare una specie importante per il mantenimento degli equilibri marini.

[di Roberto Demaio]

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Ti è piaciuto questo articolo? Pensi sia importante che notizie e informazioni come queste vengano pubblicate e lette da sempre più persone? Sostieni il nostro lavoro con una donazione. Grazie.

Articoli correlati

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Articoli nella stessa categoria

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI