mercoledì 28 Febbraio 2024

Australia, avvistato un ‘drago senza orecchie’: si credeva estinto da decenni

Il ‘drago senza orecchie’, una piccolissima lucertola lunga 15 centimetri ritenuta estinta in natura, è stata avvistata per la prima volta nelle praterie a ovest di Melbourne, in Australia, dopo cinquant’anni dalla sua scomparsa – l’ultimo avvistamento confermato è stato nell’area della città di Geelong nel 1969. Prima di quella data, il numero di rettili appartenenti alla sua specie era già progressivamente diminuito a causa della distruzione del suo habitat naturale – principalmente dovuto al pascolo selvaggio di bestiame – e della presenza di predatori come i gatti selvatici.

Nonostante i ripetuti sforzi degli ecologisti di localizzare la specie, nessuno era più praticamente riuscito ad individuarne alcuna traccia. Ma dopo gli studi e le ricerche effettuati in seguito all’ondata di incendi che ha devastato l’Australia nel 2020, alcuni biologi si sono accorti della presenza di rettili piuttosto somiglianti a quanto riportato dalle descrizioni zoologiche della lucertola estinta, risalenti agli anni Sessanta. Fino a quando due di loro, lo scorso febbraio, sono riusciti a scattare una foto all’animaletto. L’immagine, spedita ad un esperto di rettili, ha confermato quanto sospettato: si trattava proprio del ‘Tympanocryptis pinguicolla’, il nome con cui la comunità scientifica identifica il drago senza orecchie. Quest’ultimo appellativo deriva invece dal fatto che i rettili appartenenti a questa specifica specie non hanno effettivamente un’apertura esterna per le orecchie. Il loro corpo è invece caratterizzato da un colorito marrone chiaro con tre strisce bianche che scendono dalla testa alla coda. La loro vita è piuttosto breve – circa due anni – e per questo motivo è ancora più importante che gli si riservi particolare cura.

Tant’è che, per evitare di metterli ulteriormente in pericolo, gli esperti non hanno rivelato a nessuno il luogo esatto della ‘scoperta’. Tuttavia pare che alla fine il ritrovamento abbia riguardato in totale un quantitativo di esemplari abbastanza numeroso da garantirgli, almeno per ora, la sopravvivenza – anche se saranno necessarie almeno sei popolazioni autosufficienti e separate tra di loro affinché la specie rimanga sulla Terra (almeno) per i prossimi cinquant’anni. «Sono in corso sondaggi presso il sito per comprendere meglio le dimensioni della popolazione e per fornire il territorio di telecamere di vigilanza, che impediranno a chiunque di accedervi senza controllo. È una ‘seconda possibilità’ troppo preziosa, che ci fa sperare di poter trovare altri ‘tesori perduti’», hanno commentato Brendan Wintle, della School of ecosystem and forest Science dell’università di Melbourne e Sarah Bekessy dell’Interdisciplinary Conservation Science Research Group della RMIT University.

Intanto è già previsto l’avvio di un programma di ‘allevamento’, che sarà gestito da Zoos Victoria, un’organizzazione esperta di conservazione – e che è alla ricerca attiva di ‘draghi’ dal 2017 – che collabora con uno zoo dello Stato. Invece il Governo dello Stato del Victoria e quello federale hanno annunciato un investimento da quasi 200mila dollari per sperimentare l’utilizzo di cani da rilevamento, ammaestrati per fiutare più esemplari di lucertole possibili.

Il problema è che, come rivelato da una pubblicazione sulla rivista scientifica Proceedings of the National Academy of Science, sono in verità le attività umane a portare gli animali a un’estinzione mille volte più veloce di quanto considerato normale. Il declino della biodiversità filogenetica è proporzionale all’incremento dell’attività umana: caccia e bracconaggio l’avviliscono con più violenza di quanto non farebbe un’estinzione casuale.

E le conseguenze della sparizione di una specie sono imprevedibili perché diverse sono le ripercussioni sull’intero ecosistema.

[di Gloria Ferrari]

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Articoli correlati

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Articoli nella stessa categoria

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI