venerdì 19 Luglio 2024

Ruspe e sempervive

Sono ripartiti i sondaggi per il TAV in Valle di Susa. Dal cantiere dell’Alta Valle la devastazione si allarga verso Susa, Bussoleno, Chianocco, San Didero… Prati, in cui l’erba è alta, pronta per la prima fienagione; boschi che profumano dei primi funghi; mandrie di mucche al pascolo che guardano attonite la strana invasione di alieni; un gregge di pecore costretto a spingersi in alto, sugli impervi pascoli dell’Orsiera… Questa volta le escavazioni assumono l’altisonante nome di sondaggi archeologici.  

Sempervive. Vivono aggrappate alla roccia, roselline verdecenere, spinose, tenaci contro intemperie e siccità. Le troviamo aggrappate a un grande spuntone pietroso, emergente in mezzo ai prati: un meraviglioso piccolo giardino roccioso che le piogge di questa strana stagione hanno donato alla terra inaridita dalla lunga siccità. 

Poco sotto, la ruspa scava: sondaggi, i velenosi preamboli del TAV.  

Questa volta abbiamo scoperto la strada per arrivare prima che digos e agenti possano fermarci. 

Troviamo un piccolo escavatore, due operai e un giovane che si qualifica come l’archeologo (Telt non ha preoccupazioni culturali, ma – come abbiamo sperimentato per il cantiere di Chiomonte – la certificazione archeologica è semplicemente una costosa formalità, la foglia di fico obbligatoria, propedeutica alla devastazione).

La ruspa si ferma. C’è tranquillità, sembrerebbe poco più che un incontro tra comitive: ragazze e ragazzi da entrambe le parti (io, anziana, sono l’eccezione) che si scambiano battute e domande… Ma eccoli, i “tutori dell’ordine”, in assetto antisommossa, davvero tanti in proporzione a noi, almeno quattro per uno. Noi in gruppo davanti alla ruspa, loro tutto intorno: scudi, manganelli, cineprese. Finisce a strattoni; i ragazzi sono trascinati via. Mi sposto dopo che anche l’ultima ragazza è in terreno amico. 

La condizione che poniamo per andarcene è che se ne vada anche la ruspa. Si rimette in strada dopo aver ricoperto il buco del sondaggio (noto che lo scavo ha la forma e le dimensioni maggiorate di una fossa cimiteriale… è fin troppo scontato il richiamo alla morte, nostra, della natura, del futuro…).

Anche noi torniamo. I cingolati della ruspa e gli scarponi dei poliziotti hanno lasciato tra l’erba alta ferite aperte. Le sempervive, sono ridotte ad una pietosa mucillagine

Il sentiero del ritorno è ricco di incontri: la tenacia delle vecchie vigne, che la pioggia ha reso lussureggianti di tralci e di giovani grappoli; i frutteti inselvatichiti, sopravvissuti ai proprietari e ancora capaci di donare a piene mani i loro frutti dolcissimi; il giardino di piante officinali che qualcuno dei nostri giovani ha piantato e cura con amore.

Proprio qui è prevista l’uscita della galleria sulla tratta Susa – Bussoleno: ancora la prospettiva di cantieri, materiale velenoso portato a cielo aperto, polveri, traffico di camion, inaridimento del suolo per il taglio delle ultime vene d’acqua sopravvissute al tunnel autostradale. Così muore la montagna, si spopolano i territori, si vanifica ogni futuro.

Arriviamo alla frazione Santa Petronilla, una manciata di case silenziose nell’afa del mezzogiorno. Qualcuno lascia nelle buche i volantini che invitano ad un’assemblea informativa: per difendersi bisogna conoscere. Conoscere la verità, perché il progetto devastante va avanti anche grazie a un mare di menzogne.

I mass media venduti al sistema non sono meno nocivi delle ruspe e dei manganelli: mistificano i dati reali, costruiscono l’immagine del nemico, creano rassegnazione.

Ma noi sappiamo che la verità è sempre rivoluzionaria.

[di Nicoletta Dosio – Oltre ad essere da sempre attiva in numerose lotte
sociali e politiche sul territorio piemontese, Nicoletta Dosio è uno dei volti storici del Movimento No TAV. Condannata ai domiciliari per aver partecipato a una manifestazione pacifica del Movimento, ma rifiutandosi di sottostarvi e divenire così “carceriera di sé stessa”, Nicoletta è stata imputata di almeno 130 evasioni, che le sono valse la condanna a oltre un anno di carcere presso il penitenziario di Torino]

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Ti è piaciuto questo articolo? Pensi sia importante che notizie e informazioni come queste vengano pubblicate e lette da sempre più persone? Sostieni il nostro lavoro con una donazione. Grazie.

Articoli correlati

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Articoli nella stessa categoria

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI