lunedì 24 Giugno 2024

La metà dei grandi laghi del mondo si sta ritirando

Negli ultimi trent’anni più della metà dei grandi laghi ha registrato significative perdite d’acqua. Un risultato emerso dopo un’analisi condotta su quasi 2mila bacini, al cui interno è stoccata la quasi totalità di acqua dolce di tutta la Terra. Servendosi di 250mila istantanee catturate dai satelliti tra il 1992 e il 2020, combinate e confrontate con i dati storici sui livelli dell’acqua, gli scienziati dell’Istituto cooperativo per la ricerca in scienze ambientali (CIRES) dell’Università del Colorado Boulder hanno scoperto che le costruzioni di dighe e altre opere, i cambiamenti nelle precipitazioni, la sedimentazione e l’aumento delle temperature hanno portato il 53% dei laghi più grandi al mondo a perdere, nell’arco temporale analizzato, buona parte della propria portata. All’appello mancherebbero circa 22 miliardi di tonnellate di acqua all’anno, pari a 17 volte il Lago Mead, il più grande bacino idrico degli Stati Uniti. Traducendo il dato su un metro di paragone italiano, è come dire che a livello mondiale ogni anno si perde l’acqua che basterebbe a riempire 30 volte il lago di Garda.

L’idrologo Fangfang Yao, che ha guidato lo studio, ha specificato che il 56% delle cause del declino dei laghi è da ricercare nel riscaldamento climatico. Quest’ultimo può infatti impattare sui bacini in diversi modi. Il primo, forse il più ovvio, è l’aumento dell’evaporazione, che causa problemi soprattutto nelle parti più fredde del mondo. Qui, le temperature più calde sciolgono il ghiaccio che solitamente ricopre la superficie del lago, lasciando l’acqua ‘esposta’ all’atmosfera. Un cambiamento che può portare ad una diminuzione della qualità dell’acqua per via dell’aumento di batteri tossici, che possono tra l’altro compromettere la fauna marina. Non solo: «Tale peggioramento mette sotto stress anche l’approvvigionamento idrico delle comunità che ne fanno affidamento», ha commentato Yao.

Il cambiamento climatico incide anche sulla sedimentazione: i detriti, molti dei quali residui di grosse aree boschive devastate dagli incendi – riducono lo spazio a disposizione per il normale flusso dell’acqua, e spesso si depositano sul fondale. Il lago Powell, ad esempio, il secondo bacino artificiale più grande degli Stati Uniti, ha perso quasi il 7% della sua capacità di stoccaggio a causa dell’accumulo di sedimenti.

Anche se i laghi coprono solo il 3% della superficie del Pianeta, hanno una funzione vitale per la vita sulla Terra. Contengono infatti quasi il 90% dell’acqua dolce di cui disponiamo, e di cui ci serviamo per bere, irrigare, generare energia e così via. Ma non tutti i laghi sono in declino: alcuni sono addirittura in crescita (circa il 24%). Questi si trovano soprattutto nelle regioni meno popolate, come le Grandi Pianure settentrionali del Nord America e l’altopiano tibetano interno. Tuttavia «fa comunque paura sapere che i sistemi di acqua dolce non sono in grado di immagazzinare la stessa quantità di acqua del passato».

[di Gloria Ferrari]

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Ti è piaciuto questo articolo? Pensi sia importante che notizie e informazioni come queste vengano pubblicate e lette da sempre più persone? Sostieni il nostro lavoro con una donazione. Grazie.

Articoli correlati

2 Commenti

  1. Intanto chiariamo una cosa, una volta e per tutte, anche a vantaggio di certi ecologisti: la quantutà d’acqua dolce presente sul pianeta è la stesssa dal tempo dei Romani!! Quando sento dire “Gli allevamenti intensivi assorbono grandi quantitò d’acqua” salto dalla sedia!! Ma secondo voi una mucca che nella sua vita ha bevuto 20.000 litri d’acqua al momento della macellazione pesa 20.000kg? L’acqua torna sempre al pianeta, anche sotto forma di urina!! Tra l’altro la verità e già alla fine dell’articolo: alcuni laghi si stanno prosciugando ma altri stanno aumentando, ma in zone POCO popolate. E qui già traspare il “parteggiamento” per l’Occidente, per l’Uomo Occidentale, mi interessano i laghi in Occidente. Ma non decidi io o tu, decide il PIANETA!!! E se, magari in base a meccanismi naturali o astronomici NON compresi, il Pianeta ha deciso di trasferire l’acqua in zone non popolate l’Uomo, come succede da millenni, abbandona le zone attualmente popolate ormai aride e se ne va in quelle meno popolate. Perchè, nonostante tutta la tecnologia che abbiamo, ricordiamoci sempre una cosa: noi di questo Pianeta NOn siamo i padroni ma soltanto UMILI OSPITI!!!

  2. “All’appello mancherebbero circa 22 miliardi di tonnellate di acqua” “Traducendo il dato su un metro di paragone italiano, è come dire che a livello mondiale ogni anno si perde l’acqua che basterebbe a riempire 30 volte il lago di Garda.”
    Grazie per l’articolo che sottolinea ancora una volta la necessità di cambiare direzione, però il confronto italiano è sbagliato: il lago di Garda ha un volume di 50km3 (pari a circa 50 miliardi di tonnellate d’acqua)…..

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Articoli nella stessa categoria

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI