sabato 25 Maggio 2024

La Johnson & Johnson ha offerto 9 miliardi di dollari per zittire le accuse sul talco

La multinazionale farmaceutica Johnson & Johnson ha proposto di pagare quasi 9 miliardi di dollari, spalmati in 25 anni, per porre fine a tutte le controversie giudiziarie in cui è coinvolta per via dei suoi prodotti a base di talco, considerati cancerogeni.

Se venisse accettato, l’accordo economico chiuderebbe circa 40.000 azioni legali in corso, intentante da ex clienti. Un risarcimento insufficiente a detta di Jason Itkin, il cui studio legale sta seguendo 10.000 casi di donne che dichiarano che il talco abbia causato loro un cancro alle ovaie: «Sembrano un sacco di soldi, ma quando li distribuisci a tutte le persone che hanno sofferto, praticamente non rimane niente».

Sia chiaro, l’offerta dell’azienda non va confusa con un’ammissione di colpe. Nonostante l’accusa sostenga che i dirigenti di Johnson & Johnson fossero a conoscenza da decenni del rischio di esposizione all’amianto legato ai prodotti a base di talco – incluso quello per bambini, messo in commercio per la prima volta 130 anni fa – la società continua a ritenere che queste affermazioni «siano pretestuose e prive di valore scientifico», come le ha definite Erik Haas, vicepresidente del colosso. Non è proprio così, visto che, per citare una delle tante inchieste a carico della società, l’agenzia di stampa britannica Reuters con un’indagine condotta nel 2018, basata sull’analisi dei registri interni dell’azienda e testimonianze processuali, ha affermato con certezza che la società sapesse della pericolosità dei suoi prodotti almeno dagli anni ’70.

Nonostante questo, Johnson & Johnson continua a sostenere che i suoi prodotti in polvere di talco sono sicuri e che l’offerta economica proposta è da intendersi come «un modo per risolvere in maniera rapida ed efficiente la controversia, nell’interesse dell’azienda e di tutte le parti».

In realtà, cambiando prospettiva, è chiaro che l’accordo serve più che altro a evitare che si chiuda il procedimento, senza così arrivare mai ad una condanna definitiva. Lasciando sostanzialmente il beneficio del dubbio sulla colpevolezza. Per questo motivo, molte delle vittime hanno già fatto sapere che non accetteranno neppure un dollaro per mollare la presa. E questo, per l’azienda, è un problema. Affinché l’accordo diventi definitivo, infatti, il tribunale incaricato del processo dovrà prima di tutto accettare la proposta economica e la richiesta di bancarotta avanzata dalla società sussidiaria di Johnson & Johnson, che si farà carico del risarcimento, ma dovrà accertarsi anche che ci sia il consenso della maggioranza dei querelanti. Che pare, al momento, non esserci.

Intanto, a partire dal 2020, la multinazionale ha interrotto le vendite del suo talco per bambini negli Stati Uniti e in Canada, accusando la ‘disinformazione’ di avergli rovinato ‘la piazza’. E a partire da quest’anno ha detto di voler stoppare il commercio del prodotto anche nel resto del mondo.

[di Gloria Ferrari]

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Ti è piaciuto questo articolo? Pensi sia importante che notizie e informazioni come queste vengano pubblicate e lette da sempre più persone? Sostieni il nostro lavoro con una donazione. Grazie.

Articoli correlati

1 commento

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Articoli nella stessa categoria

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI