domenica 23 Giugno 2024

In Corea del Sud stanno finalmente chiudendo molti allevamenti di cani da carne

La Humane Society International (HSI), un’organizzazione internazionale che si batte per la protezione degli animali, ha annunciato la chiusura di un allevamento di cani con 200 esemplari destinati al macello per il consumo umano, situato a Hoengseong, in Corea del Sud. I cuccioli, appartenenti a razze diverse tra cui Chihuahua, Siberian Husky, e Barboncino, erano rinchiusi in gabbie piccole e strette e in condizioni antigeniche. Si tratta del diciottesimo allevamento di cani da carne chiuso definitivamente nella regione, per un totale di 2.700 animali salvati dal 2015: i cuccioli hanno trovato famiglie adottive negli Stati Uniti, Canada, Regno Unito, Paesi Bassi e in alcuni casi nella stessa Corea del Sud.

Negli ultimi tempi nel Paese pare esserci un clima favorevole all’abbandono definitivo di tale pratica. L’anno scorso Kim Keon-hee, moglie del Presidente Yoon Suk Yeol, ha chiesto espressamente di vietarla e anche la popolazione sembra d’accordo. Nei sondaggi la maggior parte dei sudcoreani (85%) ha dichiarato di non mangiare carne di cane e per il 56% degli intervistati sarebbe giusto introdurre un divieto per legge.

Persino il signor Yang, il proprietario dell’ultimo stabilimento chiuso, nonostante abbia allevato cani per il consumo umano per ben 27 anni – e in maniera legale, a differenza di molte altre strutture -, ora concorda sul fatto che la soluzione migliore sia porre fine gradualmente l’industria della carne di cane. «Nei primi anni dell’industria della carne di cane, nessuno ha denunciato allevamenti di carne di cane per violazioni o criticato l’industria. Ma con il passare del tempo sono apparsi gruppi di animalisti e il mondo sta cambiando, così come i coreani. Ho intenzione di darmi alla coltivazione del cavolo ora, e condividere i miei raccolti con la gente del posto. HSI salverà gli animali», ha commentato.

 

Fin dall’inizio della sua campagna, HSI ha scelto, per questo motivo, di lavorare proprio in cooperazione con persone come il signor Yang, allevatori cioè che vogliono cambiare vita ma che spesso non sanno come fare o non hanno i mezzi di sussistenza per riuscirci. Sangkyung Lee, a capo della campagna ‘End Dog Meat’, ha detto che «gli allevatori come il signor Yang sono simboli del cambiamento in Corea del Sud. Spero che il governo ascolti e che il nostro impegno gli dimostri che c’è un desiderio di cambiamento e una strada per un nuovo futuro in cui i cani sono solo amici, non cibo».

Secondo le stime riportate da HSI, in Corea del Sud sono ancora presenti migliaia di allevamenti di cani, che contengono fino a 1 milione di esemplari, allevati e rinchiusi in condizioni spaventose fino al giorno del macello, che solitamente avviene per folgorazione.

Per fortuna intanto qualcosa si muove, almeno rispetto al passato. Nel 2021 il sindaco della città di Namyangju, Cho Kwang-han ha chiuso il Nakwon Auction House, considerato il più grande mercato di carne di cane della Corea del Sud. Nello stesso anno, la deputata Han Jeong-ae, ha proposto di inserire esplicitamente nella legge sulla protezione degli animali la macellazione dei cani. Piccoli passi che, si spera, portino tutti in un’unica grande direzione.

La carne di cane è ancora considerata un alimento in diversi Paesi al mondo. Ancora oggi è utilizzata come cibo in Asia (alcune regioni della Cina e in Vietnam oltre che in Corea) e presso alcune etnie africane (specie in Nigeria e Namibia).

[di Gloria Ferrari]

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Ti è piaciuto questo articolo? Pensi sia importante che notizie e informazioni come queste vengano pubblicate e lette da sempre più persone? Sostieni il nostro lavoro con una donazione. Grazie.

Articoli correlati

3 Commenti

  1. Non sono vegetariano (non ancora), ma non vedo differenze se popoli diversi si sono alimentati per millenni con carne di maiale, di capra, di gatto, di topo, di pollo, di pipistrello, con vari insetti o con di carne di cane. Penso che sia invece importante, nel caso ci si cibi di esseri viventi ( con cellule ed organi) che vengono sacrificati per la nostra alimentazione (vale sia per gli alimenti di origine animale che vegetale) il rispetto di ciò che essi rappresentano per il nostro benessere alimentare e per il nostro stato di salute.

  2. Invece se sei un maiale o una mucca puoi morire ed essere mangiato. Perchè? Solo perchè secondo la nostra cultura è giusto: il cane ha dignità di non essere mangiato, muccca e maiali no. Magari in altri posti del Mondo il cane non è mai stato animale da difesa ma sempre cibo ci avete pensato? Gli unici che hanno un comportamento corretto nel confronto degli animali sono vegetariani e vegani perchè non ne mangiano nessuno!!!

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Articoli nella stessa categoria

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI