martedì 28 Maggio 2024

Assemblee degli azionisti ancora a porte chiuse con la scusa del Covid: la denuncia di ReCommon

Le associazioni ReCommon, ISDE Italia, Greenpeace Italia, The Good Lobby e Fondazione Finanza Etica hanno denunciato l’iniziativa del governo il quale, per il quarto anno di fila, ha permesso alle principali società italiane di svolgere le assemblee degli azionisti a porte chiuse. Il provvedimento era stato adottato per via della pandemia da Covid-19, ma essendo terminata l’emergenza non si ravvede, denunciano le associazioni, la necessità per la quale si debba continuare a procedere in questo modo.

Questo “ennesimo schiaffo alla partecipazione democratica e alla trasparenza”, come viene definito in un comunicato congiunto, è diretta conseguenza dell’emendamento n. 3300 al Decreto Milleproroghe (n. 198 del 29 dicembre 2022), presentato dal deputato leghista Massimo Garavaglia. Questo infatti ripropone quanto era previsto dal dl Cura Italia, ovvero che gli azionisti potessero partecipare ed esercitare il voto anche attraverso mezzi di telecomunicazione, data per l’appunto la necessità di adottare nuove modalità in relazione all’emergenza legata alla pandemia. Quando il dl Cura Italia fu convertito in legge (e con le successive proroghe), tuttavia, “le principali società italiane quotate in Borsa – tra cui grandi gruppi industriali e finanziari – hanno deciso di seguire la linea delle ‘porte chiuse’, precludendo anche la possibilità di prendervi parte attraverso i mezzi di telecomunicazione” e creando in questo modo “una totale mancanza di dialettica tra gli azionisti e gli amministratori della società”.

Il comunicato sottolinea come le assemblee degli azionisti costituiscano infatti una possibilità per “confrontarsi apertamente con il management della società e chiedere ragione del loro operato in relazione all’ambiente, al clima e ai diritti umani” grazie all’esercizio dell’azionariato critico (ovvero di forme di pressione etica messe in atto per mezzo del diritto di voto degli azionisti). Con l’approvazione del Milleproroghe, tuttavia, “le assemblee rischiano di ruotare solo intorno a due argomenti: il rinnovo del CdA e lo stacco della cedola, cioè il dividendo corrisposto agli azionisti”. A ciò si aggiunge il fatto che, dalle parole di Luciano Acciari, coordinatore del Forum dei segretari CdA e membro del management di Leonardo, sembra vi sia l’intenzione di eliminare proprio l’azionariato critico per tagliare fuori “i ‘disturbatori’ in cerca di visibilità o altri interessi”.

[di Valeria Casolaro]

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Ti è piaciuto questo articolo? Pensi sia importante che notizie e informazioni come queste vengano pubblicate e lette da sempre più persone? Sostieni il nostro lavoro con una donazione. Grazie.

Articoli correlati

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Articoli nella stessa categoria

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI