martedì 18 Giugno 2024

Italia: le grandi aziende di Stato siglano un patto per il nucleare

Ansaldo Energia, Ansaldo nucleare, Edison e Edf hanno reso noto di aver sottoscritto una Lettera di Intenti (LOI) per lo sviluppo congiunto dell’Energia nucleare in Europa. Ansaldo nucleare è una società del gruppo Ansaldo Energia, impresa controllata da Cassa depositi e prestiti (CDP) Equity, a sua volta holding di investimenti controllata al 100% da Cassa depositi e prestiti, quest’ultima di proprietà all’82,77% del Ministero dell’Economia. Ciò significa che a muoversi in questa direzione è stato direttamente lo Stato italiano, ignorando, tuttavia, i due referendum sul nucleare svoltisi in Italia nel 1987 e nel 2011, quando oltre 25 milioni di persone si sono espresse contro le centrali atomiche. Ora che il disaccoppiamento dal gas russo e gli obiettivi della transizione ecologica rendono immediato e non derogabile il bisogno di produrre energia di origine non fossile, Roma sta prendendo in considerazione l’idea di avvalersi delle più recenti tecnologie del settore, come gli Small Nuclear Reactors (SNR) che avrebbero caratteristiche di sicurezza molto elevate.

La cooperazione tra le quattro società ha lo scopo di favorire la diffusione del nucleare anche in Italia e, come si legge nel comunicato ufficiale, «Obiettivo dell’accordo è di valorizzare nell’immediato le competenze della filiera nucleare italiana, di cui Ansaldo Nucleare è capofila, a supporto dello sviluppo dei progetti di nuovo nucleare del Gruppo EDF, e al contempo di avviare una riflessione sul possibile ruolo del nuovo nucleare nella transizione energetica in Italia». Nella visione dei firmatari, l’energia nucleare può svolgere un ruolo complementare a quello delle fonti rinnovabili, «garantendo stabilità e contribuendo alla sostenibilità ambientale del sistema elettrico, alla luce degli ambiziosi target di decarbonizzazione europei e italiani che fissano al 2050 il raggiungimento della neutralità climatica». Se, dunque, l’ex ministro della Transizione ecologica, Roberto Cingolani, aveva affermato di appoggiare questa fonte energetica per poi fare marcia indietro affermando di «non avere alcuna proposta da fare», l’attuale esecutivo pare seriamente intenzionato a concretizzare la possibilità di riportare il nucleare in Italia. Tanto che la viceministra all’Ambiente e Sicurezza energetica, Vannia Gava, ha dichiarato che «i tempi sono maturi e non più procrastinabili per tornare a parlare di nucleare di nuova generazione anche in Italia».

I firmatari della LOI si impegnano a esaminare le potenziali cooperazioni industriali sulla base delle rispettive competenze: in particolare, Ansaldo in qualità di sviluppatore di componenti e fornitore di servizi per l’industria energetica e nucleare; la Edf francese in qualità di «primo produttore di energia nucleare al mondo, impegnato nella realizzazione di nuovi progetti nucleari basati sul proprio portafoglio di tecnologie, come (i) gli small modular reactor (SMR) NUWARD™ (Ansaldo Nucleare ed EDF hanno recentemente firmato anche un primo contratto per la fornitura di studi di ingegneria per NUWARD™), (ii) i reattori mid-scale EPR1200 e (iii) i reattori large-scale EPR»; ed Edison come maggiore azienda energetica in Italia, con un ruolo chiave nella transizione energetica del Paese.

«Con questo accordo gettiamo le basi per una riflessione concreta e aperta sul ruolo del nuovo nucleare a supporto della transizione energetica italiana», ha dichiarato Nicola Montiamministratore delegato di Edison. Dal canto suo, Giuseppe Marino, amministratore delegato di Ansaldo Energia ha affermato che il Gruppo «dispone di un patrimonio di competenze di eccellenza che è di fondamentale importanza nel percorso di transizione energetica basato su tecnologie ad alto contenuto di know-how». L’amministratore delegato di Ansaldo Nucleare, Riccardo Casale, invece, ha asserito che «Il Gruppo Ansaldo Energia ha saputo mantenere vive le proprie competenze in ambito nucleare dopo la chiusura delle centrali nucleari italiane. La nostra società è fortemente impegnata proprio in questa missione e attivamente coinvolta in numerosi progetti in diversi paesi europei, insieme a industrie e organizzazioni di ricerca italiane, a testimonianza dell’alto valore aggiunto che l’Italia può portare al rinnovato interesse per il nucleare a livello europeo». I firmatari hanno specificato che l’intesa sarà oggetto di successivi accordi vincolanti che le parti definiranno nel rispetto dei profili regolatori applicabili.

Nel documento non viene mai menzionata l’ipotesi di chiedere il parere dei cittadini italiani, nonostante questi si siano appunto espressi contro il nucleare in occasione di ben due referendum popolari.

[di Giorgia Audiello]

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Ti è piaciuto questo articolo? Pensi sia importante che notizie e informazioni come queste vengano pubblicate e lette da sempre più persone? Sostieni il nostro lavoro con una donazione. Grazie.

Articoli correlati

3 Commenti

  1. Un’incremento del numero di centrali nucleari sul territorio europeo, aumenterebbe di conseguenza le probabilità dell’ennesimo disastro ecologico (ben sette negli ultimi 60 anni). La tecnologia nucleare non è “Green” come blaterano i suoi sostenitori: provoca la devastazione dei territori in cui si estrae l’uranio (che è sempre di meno e non si può considerare la possibilità di prenderlo dal mare, dacché richiederebbe più energia di quella che verrebbe prodotta in seguito), costa un sacco mantenere in attività le centrali, e non ci sono luoghi adatti dove smaltire le scorie: infatti si preferisce dimenticarle in luoghi provvisori del tutto inadatti, nell’attesa di nuove discariche che non verranno mai realizzate (a maggior ragione se le scorie aumenteranno per via creazione di nuove centrali, che tra l’altro per essere realizzate richiedono anni, mentre noi abbiamo bisogno di una soluzione ora.). Per raffreddare i reattori c’è bisogno di uno sproposito d’acqua (risorsa sempre più preziosa). L’energia (non immensa) prodotta dalle centrali viene in larga parte dispersa e se ne riesce a ricavare solo una minima parte, quindi state zitti voi che mi venite a dire che le centrali sarebbero la fonte energetica più completa e sicura perché non è così (e se nei paesi del terzo mondo dai cui derubiamo l’uranio scoppiasse una bella guerra cosa dite eh?). Potrei andare avanti all’infinito, ma bastano queste ragioni per far capire anche al più stupido degli stupidi che il nucleare non ha futuro e che dev’essere per sempre dimenticato.

  2. ci propinano serate intere sulla guerra in Ucraina utilizzando la parola democrazia come espediente per aiutare (fomentare sarebbe più corretto..) la popolazione ucraina. Poi a casa nostra la democrazia viene calpestata alla luce del sole, ignorando la volontà del popolo. Spero che non accada, ma se accade, mi auguro che ci sia una rivolta popolare tanto da rivoltare il nostro stivale come un calzino.

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Articoli nella stessa categoria

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI