domenica 21 Luglio 2024

Elly Schlein: vero cambiamento nella sinistra italiana o ritocco cosmetico?

Si è concluso nella notte lo spoglio di un ballottaggio unico nella storia del Partito democratico. Elena Ethel (detta Elly) Schlein ha conquistato la leadership dem, ribaltando il voto dei “gazebi” e dunque degli iscritti, che pochi giorni fa avevano invece premiato il presidente della Regione Emilia-Romagna Stefano Bonaccini. Elly Schlein è nata nel 1985 a Lugano, in Svizzera, da una famiglia di estrazione borghese. La madre, l’italiana Maria Paola Viviani Schlein, è stata preside della facoltà di Giurisprudenza dell’Università degli studi dell’Insubria. Il padre, lo statunitense di origine ebraica Melvin Schlein, è professore emerito di Scienze politiche e ha un passato da assistant director nella sede bolognese della Johns Hopkins University. Dopo l’istruzione primaria ad Agno e la maturità a Lugano, Schlein si è trasferita a Bologna, dove ha studiato al DAMS prima di approdare definitivamente alla facoltà di giurisprudenza e laurearsi nel 2011.

La sua carriera politica inizia nel 2008, quando vola a Chicago per fare da volontaria nella campagna elettorale di Barack Obama. Nell’aprile del 2013, nei convulsi giorni dell’elezione del Presidente della Repubblica e dei 101 franchi tiratori che affossano la candidatura di Romano Prodi, Elly Schlein partecipa alla mobilitazione nazionale di protesta OccupyPD contro le larghe intese tra centrosinistra e centrodestra. Nello stesso anno sostiene la candidatura del deputato Pippo Civati alla carica di segretario del partito e nel 2014 viene eletta al Parlamento europeo, interrompendo il sostegno al Pd durante l’era Renzi. Quattro anni dopo fonda la lista civica “Emilia-Romagna Coraggiosa” a sostegno della candidatura di Stefano Bonaccini come presidente della regione. In seguito alla vittoria del centrosinistra, Schlein diventa consigliere e, su nomina dello stesso Bonaccini, vicepresidente della regione nonché assessore al Contrasto alle diseguaglianze e transizione ecologica.

La nuova leader del Pd si definisce “una nerd anni ‘90”, appassionata di videogiochi e film. In campagna elettorale ha dichiarato: «sono una donna, amo un’altra donna e non sono una madre. Ma non per questo sono meno donna», ribaltando il tormentone di Giorgia Meloni. Nell’ascesa verso il Nazareno, Schlein non si è risparmiata nelle stoccate verso l’attuale presidente del Consiglio. Si pensi al commento: «C’è una bella differenza tra il dirsi femminili e femministe, se decidi di non difendere i diritti delle donne, a partire da quelli sul proprio corpo». Quasi un’ossessione, rilanciata anche nel primo discorso da segretaria dem, quando Schlein ha dichiarato che il Pd «sarà un problema per Giorgia Meloni».

La nuova leader del Nazareno pare dunque intenzionata a continuare lungo la strada dell’antifenomeno, che è già costata una débâcle alla sinistra nelle ultime elezioni. Alla base della bocciatura popolare c’è la convinzione che l’accanimento verso il nemico politico sia più compatto dell’appoggio al proprio programma, spesso sfilacciato da correnti e contraddizioni interne. Un tratto tipico dell’ultima era Pd. Si pensi al Rosatellum o al taglio dei parlamentari, misure realizzate con il favore del Nazareno e finite in un secondo momento per essere criticate dagli stessi esponenti dem. Enrico Letta le ha addirittura individuate come cause della sconfitta alle elezioni del 25 settembre. Da ricordare poi i dietrofront sul memorandum con la Libia (firmato dal dem Gentiloni nel 2017) e sul Jobs Act. Misure ampiamente criticate dalla stessa Schlein, che intende realizzare un programma «capace di ricucire le fratture», di seguito riassunto per aree e punti.

Lavoro ed economia

  • Salario minimo (9,5 euro all’ora).
  • Limitazione dei contratti a termine, seguendo l’esempio della Spagna.
  • Stop al Jobs Act.
  • Sì alla patrimoniale e all’aumento delle tasse sulle successioni.
  • Settimana lavorativa di 4 giorni.
  • Sì al reddito di cittadinanza.
  • Investimenti nella transizione digitale ed ecologica per creare nuovi posti di lavoro (almeno 450mila, secondo Schlein).

Diritti

  • Sì allo ius soli per ottenere la cittadinanza italiana.
  • Liberalizzazione delle droghe leggere.
  • Opposizione al decreto ONG.
  • Istituzione di un congedo parentale paritario, pienamente retribuito (di almeno 3 mesi) e non trasferibile tra i genitori.
  • Maggiori fondi alla sanità.
  • Sì al matrimonio egualitario e alla legge contro omobilesbotransfobia, abilismo e sessismo.

Ambiente

  • No trivellazioni, no nucleare.
  • Investimenti nell’energia pulita e rinnovabile, con aiuti alle aziende coinvolte nella transizione.
  • Nuova legge e fondo sul clima, con la creazione di un piano fiscale “eco-friendly” capace di azzerare progressivamente i sussidi ambientalmente dannosi.
  • No a discariche e inceneritori.

Scuola e università

  • Educazione sessuale all’interno delle scuole.
  • Più tempo pieno e obbligo scolastico a 18 anni.
  • Contrasto alle classi pollaio e parallelo potenziamento della scuola all’aperto.
  • Investimenti sui nidi e strutture sociali.
  • Innalzamento della soglia della no tax area e delle borse di studio universitarie.
  • Aumento dei posti di specializzazione delle facoltà di medicina.

Politica estera

  • Sostegno all’Ucraina, con l’UE che dovrebbe farsi portavoce di una soluzione di pace.
  • No al rinnovo del Memorandum con la Libia ma riforma a livello comunitario della gestione e redistribuzione dei migranti.
  • Rilancio del progetto federalista europeo.

Riforme

  • Modifica del sistema elettorale, con particolare riguardo per l’abolizione delle liste bloccate.
  • Piena attuazione dell’articolo 49 della Costituzione e rilancio del 2×1000.
  • “Paletti”, come la scuola, all’autonomia differenziata presentata da Calderoli.

Un programma che sicuramente colloca Schlein nella corrente più a sinistra del Pd ma che rischia di risultare un mero catalizzatore di applausi negli elettori soprattutto alla luce della sovrastruttura in cui è immerso. All’anti-melonismo, che rischia di disperdere le energie del partito dai suoi rinnovati obiettivi, si aggiunge la striminzita analisi della struttura sociale ed economica del Paese. Invocare misure per abbattere le diseguaglianze del Paese attrae applausi e consensi. Non citare le radici di queste diseguaglianze permette di ottenere l’acquiescenza della struttura economica al potere, che si alimenta mediante l’attuale status quo. Accennare alle tasse sugli extraprofitti in risposta al decreto carburanti del governo Meloni non basta a dar vita allo scontro frontale con il neoliberalismo, ideologia politico-economica ormai tipica della “sinistra” in Italia e capace di ingannare i propri elettori. Nello specifico, gli interventi pubblici indossano vesti “socialiste” ma sotto l’abito nascondono la natura cooperativa nei confronti del mercato, nonostante le disuguaglianze e i fallimenti ivi creati a cui lo Stato dovrebbe rimediare. Nell’idea neoliberista, lo Stato interviene nell’economia per garantire che il sistema concorrenziale resti in piedi, perseguendo il funzionamento redistributivo dal basso verso l’alto. Si pensi che uno dei massimi esponenti del neoliberalismo, Friedrich August von Hayek, è stato il padre dell’idea di reddito di cittadinanza: «serve un reddito minimo di cittadinanza a livello sufficiente affinché i poveri non raggiungano un grado di disperazione tale da rappresentare un pericolo fisico per le classi ricche». 

Sulla fiducia nei confronti del programma presentato da Elly Schlein pesa anche il suo passato recente alla guida dell’Emilia-Romagna. La nuova segretaria del Pd ha infatti chiesto il rispetto di precise condizioni per entrare in maggioranza, come la decarbonizzazione entro il 2050 e l’utilizzo delle rinnovabili al 100% entro il 2035. Misure che, fatta eccezione per poche voci, trovano oggi un consenso generale. Nessuna clausola, invece, nei confronti delle politiche regionali che mortificano le prerogative del pubblico nella pianificazione territoriale o affossano il welfare universale a vantaggio di quello aziendale.

[di Salvatore Toscano]

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Ti è piaciuto questo articolo? Pensi sia importante che notizie e informazioni come queste vengano pubblicate e lette da sempre più persone? Sostieni il nostro lavoro con una donazione. Grazie.

Articoli correlati

11 Commenti

  1. La mia idea è, che siamo al ritocco cosmetico. Far finta che tutto cambi per non cambiare nulla. Sui temi importanti, quelli che potrebbero veramente cambiare la cose e fare la differenza, la Schlein e la Meloni sono perfettamente allineate.

  2. Da un lato abbiamo una “nerd anni 90” dall’altro una “underdog”. Bene anche la Schlein ha perfettamente capito che in Italia conta solo l’APPARENZA e quindi quello che dici in TV e sui SOCIAL, e così anche lei dirà una cosa e voterà l’ESATTO OPPOSTO in Parlamento forte del fatto che il 99,99% degli italiani nemmeno se ne accorge. ESATTAMENTE per come ha fatto la Meloni!!!

  3. E avanti così con l’Agenda dell’élite globalista! Che pena la sinistra, che pena questa politica tutta! Questi si rifanno il maquillage secondo le mode indotte disastrose di questi tempi: femminismo, lgtb, finta difesa dei più deboli e del territorio. Sempre proni ai poteri forti, come UE, multinazionali ecc.. E hanno il coraggio di parlare di difesa dei corpi e della libertà, e sono stati in prima linea per l’obbligo e la coercizione vaccinale!

  4. Mai che eleggano uno (una) che ha studiato Fisica, Chimica, Matematica, Scienze Forestali, Medicina o Informatica. Questa poi ha pure l’aggravante del DAMS (non quello di Umberto Eco). Per un partito neo-liberista come si è ridotto l’attuale PD va benissimo. Fortunatamente Antonio Gramsci non ha nulla a che fare (da tempo) con questi nani (nane) altrimenti non cesserebbe di raggirarsi nella tomba.

    • Lungi da me difendere la Schlein che è stata incredibilmente fatta passare come candidata di rottura quando invece è appoggiata da tutte le mummie democratiche, ma per la cronaca la Schlein è laureata in giurisprudenza. Ha frequentato il dams, vero, ma poi ha cambiato facoltà.

      In ogni caso più che criticarla per la scelta dei suoi studi,voglio sempre ricordare che il governo tecnico dei laureati in matematica che citi, è stato tra i peggiori della storia repubblica. Io la critico nel merito del suo essere anti sistema senza avere il coraggio di riportare la sinistra nell’alveo dell’anti capitalismo sempre più necessario. Parole ma nei fatti, come dici tu, si rimane lì nel neo liberismo.

  5. Ho seguito per un buon quarto d’ora la conferenza stampa di domenica sera. Prima di tutto, a mo’ di prologo, mi aspettavo che le sue prime parole da neo-segretaria fossero per l’immane tragedia di Crotone, per le ennesime, prevedibili ed evitabili vittime intendo, senza demagogia alcuna.
    Non che mi aspettassi granché, pero’ la curiosità c’era e comunque almeno un po’ di credito iniziale non lo si nega. Ad un certo punto, in riferimento a un suo coetaneo scomparso il giorno stesso, ha usato queste parole : “oggi è morto un ragazzo della mia età, 38 anni”.

    Eccoci rassicurati, rincuorati, sollevati, baldanzosi e, soprattutto, molto POSITIVI. Non una DONNA, ma una RAGAZZA guiderà il maggior partito di opposizione del Bel Paese del Mondo Buono. E vvvvai !!!!

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Articoli nella stessa categoria

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI