sabato 25 Maggio 2024

Maurizio Costanzo, una questione di stile

Eravamo nell’autunno del 1992. Mi trovavo ospite al Maurizio Costanzo Show perché avevo scritto un libro su di lui: dico ‘lui’ sia riferendomi al giornalista, sia allo spettacolo da lui ideato e condotto con cui tutti lo identificavamo.

Maurizio Costanzo era dotato di una speciale onestà intellettuale, quindi quella sera non avremmo parlato del mio libro che lo riguardava e che un po’, anche con ammirata ironia, lo celebrava (Del Maurizio Costanzo Show e della religione rumorosa, Aleph, poi Vallecchi). In quell’anno avevo pubblicato quattro libri e Costanzo mi avrebbe interpellato sul mio Semiologia del racconto (Laterza), mettendomi duramente alla prova nel far digerire la scienza dei segni al grande pubblico.

Perché Maurizio Costanzo era un giornalista speciale? Perché faceva l’esame ai suoi ospiti simulando di farli sentire a loro agio. Poteva fingere perfino di adularli per svelare tratti della loro personalità, per testare il loro grado di affidabilità. Nel contempo faceva trasparire la sua antipatia, la sua simpatia o la sua indifferenza verso di loro.

Illuminava la scena con la sua postura arcuata, a tratti incuriosito o provocatore, tra il confessionale e l’interrogatorio, un po’ sfottente e un po’ confidenziale. Tranne nei casi in cui indubitabilmente parteggiava per la sua o il suo ospite.

Amava stuzzicare e anche insinuare, pungolare. Gli piaceva assecondare lo stile pacato ma se la rideva con la violenza verbale di Vittorio Sgarbi o con le allucinazioni da teatro d’avanguardia di Carmelo Bene.

Innumerevoli i suoi convitati, sia celebri o sulla strada di esserlo, oppure anonimi ma significativi. Costanzo aveva la vocazione del casting in pubblico, era geniale nell’amare lo svelamento, quella dote che il grande William Carlos Williams diceva essere il compito del vero artista.

Regista della parola, dello spettacolo verbale in cui consisteva la vera televisione, sfruttava il geniale mix di Teatro Parioli e piccolo schermo, di pubblico a casa e pubblico in sala, mostrando una maestria invidiabile, molto personale e quindi ineguagliabile.

Scrivevo allora di ‘esoterismo di massa‘ a proposito del suo spettacolo, ammiravo soprattutto la sua tenuta discorsiva, la sua regia delle parole, capace cioè di gestire gli interventi dei vari ospiti come frasi di un unico testo, come episodi di un solo racconto. 

Costanzo era anche un capocomico perché l’ultima (anzi la penultima, perché ora ci sono i social) incarnazione della nostra italica commedia dell’arte era appunto la tivù. Proprio totem e tivù, per usare una mia formula di quegli anni. Totem e tivù: Maurizio Costanzo psicanalista di massa, terapeuta degli sgangherati, dei mediocri oppure eleganti, oppure impresentabili personaggi, provvisori o habitués, del suo show. Eroi per un giorno e poi spesso dimenticati. Maurizio Costanzo, invece, proprio non credo che entrerà nell’oblio mediatico, lui che è stato un artefice, un interprete e un testimone della conversazione televisiva: orizzonte oggi improponibile ma sicuramente augurabile, quando sarà finita la stagione ignorante degli insulti e avremo voglia di ricominciare a ragionare.

[di Gian Paolo Caprettini – semiologo, critico televisivo, accademico]

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Ti è piaciuto questo articolo? Pensi sia importante che notizie e informazioni come queste vengano pubblicate e lette da sempre più persone? Sostieni il nostro lavoro con una donazione. Grazie.

Articoli correlati

5 Commenti

  1. Non so. Per me Costanzo è suo malgrado il simbolo di quel mondo abile e vecchio che fatica a lasciare la scena – anche se consunto – per mancanza di ricambio. il fatto che ci sia stata una camera ardente peronista di tre giorni e passa in Campidoglio per un giornalista dà la misura di un paese che riesce a celebrare solo morti perché è esso stesso morente. Una tristezza che non fa giustizia nemmeno all’uomo in questione , arguto , brillante e forse idealmente imbarazzato ad essere trattato come fosse Ghandi. RIP. Quanto agli italiani , persino la Morte li reclama (invano) vivi.

  2. Ennesimo pezzo celebrativo di un personaggio “quanto meno” controverso. Uno che é stato “contemporaneamente” iscritto alla P2, amico di Berlusconi (dal quale dichiarava di distaccarsi politicamente solo perché era un furbastro…) e delle tv di Berlusca é diventato poi un pilastro, non é uno del quale io possa fidarmi. L’ho sempre considerato un personaggio equivoco. Capace, indubbiamente capace e anche versatile, ma non metterei la mano sul fuoco sulla sua innocenza interiore. Giammai.

  3. Un articolo sulla carriera di Maurizio Costanzo senza citare la sua iscrizione alla loggia massonica P2, che quella stessa carriera ha sicuramente influenzato e addirittura agevolato, non è altro che un “coccodrillo” celebrativo di cui non sentivamo il bisogno.

Articolo precedente
Articolo successivo

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Articoli nella stessa categoria

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI