venerdì 3 Febbraio 2023

I portuali di Genova scendono in campo contro la guerra

Il collettivo autonomo lavoratori portuali di Genova (CALP) ha lanciato l’appello per una manifestazione da tenersi nel capoluogo ligure il prossimo 25 febbraio, a ridosso del primo anniversario dell’invasione russa dell’Ucraina. L’obiettivo è “dichiarare guerra alla guerra e promuovere la pace tra i popoli”. «Oggi siamo a un anno dall’inizio dall’inizio della guerra tra Russia e NATO per procura in Ucraina, guerra che non accenna a trovare una soluzione e rischia anzi l’escalation nucleare», scrive l’associazione in un comunicato. Dito puntato contro «gli interessi economici e geopolitici» che si nascondono dietro ai conflitti, a cui si aggiungono «il complesso militare industriale, che da questi ne beneficia di più, e i governi dell’Unione Europea che agiscono come burattini proni al diktat USA nell’inviare armi in Ucraina per far continuare il conflitto», senza impegnarsi in soluzioni diplomatiche a vantaggio dei popoli coinvolti.

«Dalle guerre, i lavoratori e gli sfruttati di ogni Paese non hanno nulla da guadagnare». La guerra vuol dire morte, ma non solo, dal momento che «porta con sé devastazione sociale, tagli di risorse per il lavoro e per il welfare per sostenere le spese militari. Porta ad aumenti delle tariffe che si scaricano sulle popolazioni […]. Risorse pubbliche a favore della guerra, tolte a quelle che sono le richieste dei lavoratori […]. Soldi che vengono meno per la pubblica istruzione o la pubblica sanità», scrive il CALP. Secondo le ultime stime, la spesa militare in Italia aumenterà nel 2023 di circa 800 milioni di euro, passando a 26,5 miliardi di euro dai 25,7 miliardi del 2022.

[di Salvatore Toscano]

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Articoli correlati

2 Commenti

  1. …E cosa fanno invece i grandi sindacati della sinistra? Tacciono, come hanno supinamente taciuto con la fine delle liberta’ personali durante la pandemia. Tace il governo, tacciono le tivu’ di stato, tacciono i grandi giornali, tacciono le parrocchie, tacciono i circoli “libertari” cattocomunisti intrisi di intellettualoidi col nasino in su…guerra, guerra, guerra!!!

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Articoli nella stessa categoria

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI