giovedì 2 Febbraio 2023

Controlli dei NAS nelle RSA per anziani: una su quattro è irregolare

Una residenza per anziani su 4 è irregolare. Lo dicono i risultati dei controlli effettuati dai NAS (un’unità dei Carabinieri adibita a proteggere la salute pubblica attraverso controlli, investigazioni e ispezioni sanitarie) durante le festività appena trascorse, quando cioè si verifica solitamente un aumento della domanda di ospitalità. Su 607 strutture ispezionate – fra quelle specifiche per la cura e l’ospitalità di persone anziane e/o portatrici di disabilità come RSA, case di riposo, comunità alloggio e case famiglia – 152 sono risultate non a norma, cioè il 25%.

Le maggiori criticità sono state riscontrate in ambito igienico, strutturale e sulla capienza (in alcune sedi erano presenti più anziani di quanto le autorizzazioni ne permettessero). I NAS, tra le altre cose, hanno rinvenuto dispositivi medici e farmaci scaduti, alimenti andati a male e irregolarità nella gestione e somministrazione delle cure. Motivo per cui 27 persone sono state sanzionate per violazioni penali e 133 per illeciti amministrativi, per un totale di 167mila euro. Sei strutture sono state chiuse perché risultate abusive o troppo carenti in termini sanitari e assistenziali e gli anziani che fino a quel momento vi avevano alloggiato sono stati sistemati presso le famiglie d’origine o in altre strutture.

Gli interventi più significativi si sono registrati a Reggio Calabria, dove i NAS hanno sequestrato una struttura adibita ad ospitare persone con disabilità psichiche, ma che in realtà è risultata sprovvista di autorizzazione (un caso simile si è verificato a Perugia). Immediata la denuncia scattata nei confronti della direzione, accusata tra l’altro di aver conservato 10 kg di cibo avariato. Lo stesso è accaduto a Cremona. A Campobasso, invece, gli agenti hanno chiuso una parte di una casa di riposo perché carente strutturalmente e piena oltre la capienza consentita, mentre in provincia di Trento sono stati segnalati (e multati con 48mila euro) all’Autorità Amministrativa e Sanitaria sia il legale responsabile che la direttrice di una RSA, accusati di aver conservato più di 100 dispositivi medici diagnostici per la rilevazione del Covid-19 scaduti da oltre due anni, pronti da utilizzare sugli ospiti. E la lista continua ancora, toccando moltissime città italiane, da Nord a Sud.

Di RSA e residenze per anziani si è parlato soprattutto nel periodo pandemico. Secondo il rapporto “Abbandonati”, redatto da Amnesty International in merito alle violazioni dei diritti umani nelle strutture di residenza sociosanitarie durante l’emergenza da Covid-19, le istituzioni italiane a livello nazionale, regionale e locale hanno mostrato grosse lacune nell’adottare tempestive misure assistenziali per proteggere la vita e la dignità delle persone anziane. “Il ritardo nell’emanazione di provvedimenti adeguati, o la loro totale mancanza, si sono spesso tradotti in violazioni del diritto alla vita, alla salute e alla non discriminazione”, ha scritto l’Organizzazione.

In realtà le condizioni in cui versano le strutture erano già complicate anche prima della pandemia, in particolar modo in merito alla capienza. I dati dicono che nel 2019 in Italia c’erano circa 265.000 posti letto in RSA e in strutture con valenza sociosanitaria. Praticamente 19,2 posti letto ogni 1.000 abitanti over 65, contro la media OCSE di 47,2. Cifre che ci collocano al terz’ultimo posto, avanti solo a Polonia e Turchia. E, laddove si riesca a trovare posto, il rischio è di capitare in mani sbagliate. In base ad altre indagini condotte dai Carabinieri sul finire del 2022 in ospedali e RSA di tutta Italia, è emersa l’irregolarità di 165 posizioni lavorative. Tra le anomalie accertate, ci sono medici forniti dalle cooperative con un’età superiore a quella prevista dal contratto, l’esercizio abusivo della professione ma anche l’impiego di figure sanitarie esterne collocate in attività lavorativa senza l’adeguata formazione.

[di Gloria Ferrari]

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Articoli correlati

1 commento

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Articoli nella stessa categoria

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI