sabato 20 Aprile 2024

Uova e colombe pasquali mal conservate e con ingredienti scaduti: maxi sequestri dei NAS

Oltre due tonnellate di dolciumi di Pasqua sequestrati, 574 violazioni penali ed amministrative contestate e irregolarità nel 38% delle aziende controllate: è oggettivamente allarmante il bilancio delle operazioni condotte dai Nuclei antisofisticazione dei carabinieri (NAS) al fine di verificare le condizioni di uova e colombe pasquali prodotte in Italia. Tra le violazioni riscontrate lungo tutta la Penisola, ci sono la carente pulizia e igiene degli ambienti di lavorazione e deposito, la mancata applicazione delle procedure preventive di sicurezza alimentare, l’omessa tracciabilità dei prodotti ed etichettatura irregolare e la presenza di ingredienti e semilavorati scaduti o detenuti in ambienti umidi e con infestazioni di roditori. Sono stati inoltre individuati dolci prodotti industrialmente, ma riconfezionati e venduti come produzioni artigianali a prezzo superiore.

I sequestri hanno coinvolto aziende di molte regioni d’Italia, da Nord a Sud. Tra le situazioni più significative c’è quella che i NAS hanno trovato all’interno di un laboratorio di una pasticceria in provincia di Bergamo – ai cui titolari sono state peraltro contestate violazioni amministrative per un ammontare di 3.500 euro – in cui erano presenti ben 70 kg di cioccolato e 90 kg di prodotti dolciari scaduti da alcuni anni. In provincia di Roma, invece, si è scoperto che i titolari di due attività, di cui sono state attestate le carenti condizioni igieniche e strutturali e che sono state colpite con una sanzione di 4.000 euro, hanno messo in vendita uova e colombe pasquali di produzione industriale dichiarandole come prodotti gastronomici artigianali. Duro colpo anche per la provincia di Caserta, dove i carabinieri dei NAS hanno sequestrato presso due pasticcerie e in una fabbrica di cioccolato 580 kg di prodotti tra quelli tipici delle festività pasquali che non erano sottoposti al piano di rintracciabilità alimentare. Situazione pesante anche a Catania, dove in un’industria alimentare e in due laboratori sono stati sequestrati oltre 1.400 kg di preparati e basi per prodotti dolciari: molti di questi erano infatti scaduti e senza etichette, in parte conservati all’interno di un deposito con gravi carenze dal punto di vista igienico-sanitario, specie a causa della presenza di escrementi di topi.

Nel complesso, 6 titolari di negozi, cui sono state sequestrate oltre 300 colombe e uova falsamente dichiarate di “propria produzione”, sono stati deferiti all’Autorità giudiziaria per l’ipotesi di tentata frode in commercio. Per le gravi situazioni igieniche e strutturali, sono stati disposti 15 provvedimenti di chiusura o sospensione delle attività commerciali e produttive, per un valore economico di oltre 5 milioni di euro.

[di Stefano Baudino]

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Articoli correlati

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Articoli nella stessa categoria

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI