giovedì 2 Febbraio 2023

Washington ordina all’Italia di fornire lo scudo antimissile all’Ucraina

I Paesi occidentali schierati a difesa dell’Ucraina attendono la prima mossa del governo Meloni – e dunque il sesto pacchetto di armi dirette a Kiev – che dovrebbe arrivare nelle prossime settimane. Gli Stati Uniti premono affinché l’Italia fornisca all’Ucraina il sistema antimissile Samp-T (Sol-Air Moyenne Portée Terrestre), lo scudo antiaereo prodotto in consorzio tra Roma e Parigi, anch’essa destinataria delle pressioni di Washington. Lo riportano fonti diplomatiche statunitensi, che citano una telefonata avvenuta lo scorso 7 gennaio tra il consigliere per la Sicurezza nazionale Jake Sullivan e Francesco Talò, consigliere diplomatico di Giorgia Meloni, in cui si è discusso della mini-tregua lanciata da Putin in occasione del Natale ortodosso e delle forniture militari dei prossimi mesi.

Era l’11 ottobre scorso quando il presidente ucraino Zelensky faceva il suo primo appello per ricevere il sistema antimissile. Da allora sono trascorsi tre mesi e in Italia si sono susseguiti due governi, apparentemente in continuità sull’indirizzo di politica estera. Giorgia Meloni vorrebbe infatti soddisfare la richiesta del presidente ucraino prima dell’incontro previsto per il prossimo 24 febbraio. Persistono, tuttavia, due problemi, uno di natura economico-militare e l’altro politico. L’Italia possiede infatti soltanto 6 sistemi antimissile Samp-T (la Francia ne ha 10), «fondamentali per la difesa del territorio nazionale», come sottolineato dall’esperto di Aresdifesa Aurelio Giansiracusa. Inoltre, il costo di un singolo scudo antiaereo è pari a 800 milioni di euro. Nonostante ciò, su spinta statunitense, l’Italia starebbe valutando di cederne uno a Kiev, al pari dei francesi. Dal punto di vista politico, invece, sembra che Lega e Forza Italia facciano resistenza all’idea di un nuovo invio di armi all’Ucraina. Al dire il vero tutto il centro destra, nei singoli programmi elettorali, era apparso abbastanza vago sulla questione, accennando a un generico sostegno al Paese. Nelle scorse ore, il ministro degli Esteri Antonio Tajani (FI) ha sottolineato che per qualsiasi invio futuro di armi da Roma a Kiev sarà prima necessario passare dalle Camere.

[di Salvatore Toscano]

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Articoli correlati

7 Commenti

  1. Il nostro governo dovrebbe chiedere agli USA 800 milioni di euro. Noi lo scudo lo cediamo, ma non siamo così ricchi da farlo gratis, nè così nemici della Federazione Russa.
    Ultimamente sono emerse gravi responsabilità ucraine: strade a Kiev intitolate a gerarchi ed ufficiali nazisti, un sostanziale continuum fra gruppi neonazisti e classe dirigente ucraina.
    Sarebbe una grave colpa del governo italiano fare finta di niente e continuare a leccare le scarpe agli Stati Uniti, un vulnus alla fiducia che gli italiani hanno riposto in Fratelli d’Italia.
    Con questo non dico che i russi hanno ragione ma che il torto e la ragione non si dividono mai a metà e che se non si arriva neppure a un cessate il fuoco dipende essenzialmente dagli stessi che hanno sperperato tantissime vite umane e tantissime risorse finanziarie in Vietnam e in Afghanistan e che hanno ingannato il mondo per poter ingiustamente fare carne di porco dell’Iraq.
    Putin sarà un poco di buono ma Biden, che ha scippato il posto al più affidabile e onorevole Donald Trump, non è da meno.
    Basta invii di armi a spese degli italiani !! che paghino gli Stati Uniti con i frutti dei massacri in Iraq.

  2. Il nostro governo dovrebbe chiedere agli USA 800 milioni di euro. Noi lo scudo lo vediamo, ma non siamo così ricchi da farlo gratis, nè così nemici della Federazione Russa.
    Ultimamente sono emerse gravi responsabilità ucraine: strade a Kiev intitolate a gerarchi ed ufficiali nazisti, un sostanziale continuum fra gruppi neonazisti e classe dirigente ucraina.
    Sarebbe una grave colpa del governo italiano fare finta di niente e continuare a leccare le scarpe agli Stati Uniti, un vulnus alla fiducia che gli italiani hanno riposto in Fratelli d’Italia.
    Con questo non dico che i russi hanno ragione ma che il torto e la ragione non si dividono mai a metà e che se non si arriva neppure a un cessate il fuoco dipende essenzialmente dagli stessi che hanno sperperato tantissime volte umane e tantissime risorse finanziarie in Vietnam e in Afghanistan e che hanno ingannato il mondo per poter ingiustamente fare carne di porco dell’Iraq.
    Putin sarà un poco di buono ma Biden che ha scippato il posto al più affidabile e onorevole Donald Trump non è da meno.
    Basta invii di armi a spese degli italiani !! che paghino gli Stati Uniti con i frutti dei massacri in Iraq.

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Articoli nella stessa categoria

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI