domenica 29 Gennaio 2023

Perché è meglio non mangiare le mandorle della California

Gli Stati Uniti sono il primo produttore ed esportatore al mondo di mandorle. In California, nella Central Valley, ogni anno si produce un miliardo di tonnellate di mandorle, pari all’80% della produzione mondiale. Quella della mandorla americana è un’industria cresciuta negli ultimi anni a ritmi straordinari, sostenuta principalmente dalla domanda di latte di mandorla. La mandorla californiana è una qualità di taglia grande, più delle mandorle italiane, con la superficie più liscia e con una resa di produzione nei campi del 60% contro il 20% di quelle italiane. Un bel risultato per i produttori e per il profitto ma, come vedremo, non per il gusto e nemmeno per la salute. Si tratta di una produzione che, oltretutto, si sta rivelando insostenibile anche per la tutela della biodiversità, contribuendo a una vera e propria strage di api.

La resa delle mandorle californiane è dovuta in gran parte ai trattamenti chimici che vengono fatti sui campi, che le rendono grosse di taglia e velocizzano la maturazione, ma ne diluiscono anche il sapore. Le mandorle californiane hanno un alto contenuto di aflatossine, sostanze cancerogene e neurotossiche. Nel 2007 la Commissione Europea ha bloccato le mandorle californiane denunciandone la tossicità. Per la precisione “cancerogene e genotossiche anche a basse dosi”, affermava la decisione della Commissione Ue che il 7 agosto 2007 bloccò le importazioni di mandorla californiana in Europa, perché superavano costantemente i limiti fissati a tutela della salute dei consumatori. Come è andata a finire? La UE ha emanato norme con l’innalzamento dei livelli di tolleranza di aflatossine sulla frutta secca, sia sulla materia prima che sul trasformato. Attualmente oltre la metà della produzione californiana viene importata in Europa.

Lo sfruttamento e strage delle api

Irrorati di pesticidi e diserbanti, i mandorleti californiani hanno però anche bisogno delle api, indispensabili per l’impollinazione e la fioritura. La crescente domanda di api da utilizzare in queste coltivazioni ha fatto sì che molti apicoltori provenienti da tutta la California negli ultimi anni abbiano deciso di affittare le loro colonie ai proprietari dei mandorleti. Noleggiare gli alveari è diventato più redditizio che vendere miele e per molti apicoltori costituisce ormai almeno la metà delle entrate. Ma questo processo ha mostrato un lato oscuro grave per l’ecosistema. Solo nella stagione 2018-2019 infatti sono morte 50 miliardi di api, circa un terzo della popolazione di quelle americane allevate per fini commerciali. In media un apicoltore che ha noleggiato le proprie api ne ha perse un terzo, sei volte tanto le perdite medie riscontrate normalmente nella produzione del miele, che si aggira sul 5%.

I pesticidi vengono utilizzati per tutti i tipi di colture dello stato, ma la mandorla, a dosi di 35 milioni di libbre all’anno, ne viene cosparsa in quantità maggiori rispetto a qualsiasi altra. Uno dei pesticidi più ampiamente applicati è l’erbicida glifosato, che è una sostanza di base dei coltivatori di mandorle su larga scala e ha dimostrato di essere letale per le api e di causare il cancro negli esseri umani. Il produttore, la multinazionale Monsanto di proprietà di Bayer, nega il legame con il cancro quando le persone usano l’erbicida nel dosaggio prescritto. Ma già diversi tribunali statunitensi si sono pronunciati a favore degli utilizzatori di glifosato che hanno sviluppato forme di tumori come il linfoma; e migliaia di altre cause sono ancora pendenti.

Oltre alla minaccia dei pesticidi, l’impollinazione delle mandorle è particolarmente faticosa per le api perché gli alveari vengono risvegliati dal letargo invernale uno o due mesi prima del normale. L’enorme quantità di insetti impollinatori necessari supera di gran lunga quella di altre colture: ad esempio le mele, la seconda coltivazione più grande d’America, utilizzano solo un decimo del numero di api. E per le mandorle le api sono concentrate contemporaneamente nella stessa regione geografica, aumentando esponenzialmente il rischio di diffondere una epidemia. Dietro la morte di miliardi di api dello scorso inverno c’è ad esempio l’attacco di un acaro parassita, il Varroa destructor, che succhia l’emolinfa delle api provocando la morte di intere colonie.

«Le api sono esposte a tutti i tipi di malattie in California – afferma Dennis Arp, un apicoltore dell’Arizona che ogni anno noleggia i suoi alveari alle coltivazioni della California – possono esserci centinaia di migliaia di alveari di più apicoltori in un’area di sosta. È come lasciare che le tue api entrino in un bar per single e poi facciano sesso non protetto».

Il business delle mandorle è andato bene per Arp. Lo scorso febbraio, ad esempio, ha installato 1.500 dei suoi alveari nel frutteto di un coltivatore a 200 dollari per alveare – per questo egli è riluttante nel vedere una correlazione diretta tra le continue sfide per la salute delle sue api e il tempo trascorso da queste ogni primavera nei mandorleti. «Alle api piace lavorare sulle mandorle», dice Arp. «Ma ovviamente questo le espone a rischi.»

Ora perde regolarmente il 30% o più delle sue api all’anno, rispecchiando le statistiche nazionali. In qualsiasi altro settore, la morte di un terzo della tua forza lavoro causerebbe una protesta internazionale, ma questa perdita sbalorditiva è ora considerata il normale costo per fare affari d’oro.

Alla ricerca di una soluzione

[Il sigillo certificato Bee Better]
La speranza si trova in un nuovo programma di certificazione che, simile alle etichette “biologico” o “commercio equo e solidale”, aiuterà i consumatori a scegliere prodotti realizzati con metodi rispettosi delle api. Il programma di certificazione “Bee Better”, lanciato nel 2017 dalla società no-profit Xerces, introduce la biodiversità nei mandorleti per controllare naturalmente i parassiti e nutrire le api mellifere. Xerces sta lavorando con i coltivatori di mandorle per piantare fiori selvatici della California, senape e trifoglio tra i filari di alberi e siepi fiorite autoctone lungo il perimetro del frutteto, una specie di recinto ecologico per tenere le api nel frutteto.

Un’altra soluzione vincente è senz’altro la coltivazione biologica, che non prevede l’uso di pesticidi. Lasciare che la natura faccia il suo corso non è una novità per l’81enne Glenn Anderson. È il primo e ancora uno dei pochi coltivatori di mandorle biologiche nella California. Il suo frutteto di 40 anni è piccolo, solo 20 acri, ed è sempre stato privo di sostanze chimiche.

«Non abbiamo parassiti; abbiamo la biodiversità», afferma Anderson, che vende principalmente direttamente a singoli clienti attraverso la sua società Anderson Almonds. A differenza dei grandi allevamenti industriali di mandorle che spogliano il terreno del frutteto per trattare in modo più efficiente insetti e funghi, Anderson consente la crescita di un ricco sottobosco, che nutre naturalmente il suolo e rafforza gli alberi.

Anderson assume ogni primavera un “hobbista apicoltore” dalla California settentrionale per installare circa 20 alveari nel suo frutteto. «Nella mia fattoria abbiamo l’opposto del collasso della colonia» afferma Anderson. «Il mio apicoltore porta giù alveari deboli che vuole ricaricare nella mia proprietà.»

Anderson afferma che il compromesso per non utilizzare pesticidi è che il suo raccolto annuale è inferiore – in genere circa 10.000 libbre – e mantiene il suo frutteto piccolo per gestirne la natura selvaggia. «Sono contrario a un modello di espansione. Non mi va bene». E per quanto riguarda le mandorle coltivate industrialmente? «Hanno il sapore del cartone», dice.

[di Gianpaolo Usai]

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Articoli correlati

10 Commenti

  1. Grazie della finestra sull’orrore. Sono ingegnere e ho imparato a diffidare dell’industria alimentare. Sempre e dovunque. Ora anche qui.
    Comunque poco importa ma ci sono tre zeri di troppo. Milioni di tonnellate. Non miliardi.
    Voi continuate così.
    Io continuo con il mio abbonamento.

    • Le associazioni di apicoltori (Unione Nazionale Associazioni Apicoltori Italiani (U.N.A.API.), Apilombardia e Apicoltori Lombardi) hanno depositato una denuncia presso la Procura della Repubblica. La moria di api che si è registrata lo scorso agosto ha coinvolto circa 8 o 9 milioni – sì milioni – di api! E riguarda una zona circoscritta, ingegnere prima di parlare s’informi, è un consiglio per evitare brutte figure.

  2. Complimenti, ottimo articolo. La NOSTRA salute inizia con il cibo e con il rispetto di tutte le specie viventi, di cui ancora non conosciamo la vitale importanza. Mi permetto di aggiungere che l’aspettativa media di vita degli Americani (Usa) è di 76 anni, quella degli Italiani 84. Gli Usa sperperano oltre il 15% del proprio PIL in spese sanitarie, l’Italia spende il 9%. The american way of life non è sostenibile…

  3. Grazie sig. Usai e a tutta la redazione de L’indipendente. Sempre ottimi articoli e giornalismo di alto livello. Sul tema di questo articolo consiglio vivamente agli interessati la visione di uno dei migliori documentari degli ultimi anni dal titolo “more than honey” diretto da Markus Imhoof e vincitore del German Film Award for Best Documentary Film.

  4. Grazie per il bellissimo articolo. Molto utile per quei pochi, (pochi?) che ancora non hanno capito che dove c’è coltivazione intensiva, sfruttamento dell’ambiente, arricchimento veloce e su larga scala, multinazionali ecc.. c’è morte. E chissenefrega se si palesa, in forme diverse, a breve, media o lunga scadenza.
    Anche se l’articolo è riferito agli Stati Uniti, mi è venuta spontanea la riflessione sul perché non ci sarà mai un BigPharmaGate, o chiamatelo come volete, qui in Europa. Quei corrotti, maledetti, del parlamento legifereranno sempre con aggiustamenti delle soglie di tolleranza nell’utilizzo dei prodotti tossici, o troveranno altri escamotage, come già in passato, su altre questioni come i farmaci, i vaccini ecc.. per favorire le multinazionali, o il potente di turno. Al massimo qualche multa milionaria, .. pagabile a rate; o con infiniti ricorsi ai tribunali.
    Ma chissà, forse con articoli come questi la presa di coscienza e l’amore per il proprio benessere e l’ambiente riusciranno a farsi sempre più largo tra le maglie dell’avidità e dell’insensibilità umana. Un’informazione completa, veritiera e disinteressata è comunque già un gran bel primo passo!
    Grazie ancora al Sig. Usai e a tutta la redazione de L’Indipendente.

      • Sono proprio contento di essermi abbonato a questo giornale, lasciandomi alle spalle vecchi cliché, abitudini e stereotipi. Sentivo da tempo di non appartenere più a quel mondo, fatto di un certo tipo di giornaliere letture e di mentalità falsamente aperte, ma in realtà faziose e sempre comunque aderenti al canonico circo mass-mediatico, non condividendone oramai più nulla. Speriamo per il futuro di poter cambiare qualcosa, in noi e fuori da noi. La saluto cordialmente Sig. Usai e le auguro buon lavoro.

  5. Grazie dell’idea.. possiedo circa 8ettari di terreno e leggendo che la coltivazione può essere effettuata pressoché in tutta Italia, proverò ad informarmi se ha le caratteristiche adatte a questa tipologia di frutto (ovviamente con le preziosissime api)..

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Articoli nella stessa categoria

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI