domenica 29 Gennaio 2023

Musk annuncia chip sull’uomo entro 6 mesi, ma i test sulle scimmie sono stati disastrosi

«Mi aspetto che entro 6 mesi il primo device di Neuralink sia sperimentato su un essere umano». Nel corso dell’evento Show and Tell che si è tenuto il 30 novembre, Elon Musk ha annunciato il desiderio di ottenere entro sei mesi l’approvazione dalla Food and Drug Administration americana (FDA) per poter avviare la sperimentazione del chip cerebrale sul primo essere umano. Obiettivo il potenziamento dell’essere unano previo foro di 8 mm nel cranio e inserimento di un chip collegato al cervello con fili più sottili di un capello umano, che possono essere “iniettati” con un ago di 24 micron per rilevare l’attività dei neuroni.

Neuralink ha avuto fin dalla sua nascita un percorso burrascoso, con il licenziamento di alcune figure chiave e i misteriosi investimenti fatti dallo stesso Musk nella diretta rivale della sua azienda, la Synchron. Questa società statunitense di neurotecnologie, fondata da un gruppo di imprenditori, ha conseguito sorprendenti risultati nell’interfaccia uomo-macchina e ha già ottenuto il via libera per l’impianto di un dispositivo chiamato Stentrode su alcuni pazienti affetti da paralisi. Stentrode non viene impiantato direttamente al cervello ma connesso a quest’ultimo tramite i vasi sanguigni, con una procedura simile a quella dell’inserimento di uno stent.

Il chip di Neuralink, invece, verrà impiantato grazie a un foro di 8 mm nel cranio e collegato al cervello con fili più sottili di un capello umano, che possono essere “iniettati” con un ago di 24 micron per rilevare l’attività dei neuroni. L’impianto avverrà, sotto la guida di un neurochirurgo, per mano di un robot programmato per ridurre al minimo il margine di rischio per la salute e le funzionalità cerebrali.

Per legittimare questo tipo di ricerche, si sta puntando nel far credere all’opinione pubblica che i dispositivi neurali servano esclusivamente a curare le patologie neurodegenerative o le paralisi. Ma altri obiettivi più insidiosi sono stati palesati dallo stesso Musk nel recente passato: la start-up nasce dalla volontà di Musk di ibridare l’uomo con le macchine per arginare il pericolo dell’Intelligenza Artificiale, definita dall’imprenditore visionario come «la più grande minaccia alla nostra esistenza». Secondo Musk, col tempo i robot potrebbero diventare più intelligenti di noi e finire col soppiantarci: l’IA può creare «un dittatore immortale» dal quale «non è possibile scappare» e che a differenza dei despoti umani non invecchierebbe.

Ossessionato dall’idea di una possibile “apocalisse robot”, Musk punta così sul potenziamento umano, l’unico modo, a suo dire, per prevenire e respingere i rischi della IA e dall’altra a garantire una forma di immortalità digitale: «Se il te stesso biologico muore, puoi caricarlo in una nuova unità. Letteralmente». Musk ha infatti ipotizzato l’utilizzo di questa tecnologia anche per fare il backup della memoria di un essere umano morente, per poter trasferire i suoi ricordi su un nuovo corpo umano o su un corpo meccanico (si tratta del mind uploading).

La soluzione che Musk propone per arginare il problema della singolarità è in un certo senso inquietante come il problema stesso: fondersi cioè con le macchine per non restare indietro nell’evoluzione di queste. Qua entriamo, di fatto, nel campo del post-umano.

Fino a oggi, Neuralink ha condotto i suoi test unicamente sugli animali, iniziando con i maiali (ribattezzati cyberpork) e poi sui primati. Lo scorso anno fu mostrata in pubblico una scimmia che, grazie al chip impianto nel cervello, era in grado di giocare con un videogioco in modo totalmente autonomo.

Pochi, però, conoscono la tragica sorte delle scimmie usate come cavie dallo staff di Neuralink. 15 delle 23 scimmie a cui sono stati impiantati i chip cerebrali presso l’Università della California a Davis nel 2017-2020 sono morte. La Commissione Medici per la Medicina Responsabile (PCRM), dopo aver esaminato le registrazioni fatte dai veterinari sarebbe giunta alla conclusione che le scimmie utilizzate nell’esperimento della Neuralink erano state maltrattate e soggette a “estrema sofferenza”. «Quasi ogni singola scimmia a cui erano stati impiantati degli impianti nella testa soffriva di effetti sulla salute piuttosto debilitanti […] stavano mutilando e uccidendo gli animali», ha raccontato il direttore del patrocinio della ricerca del PCRM Jeremy Beckham, citato dal New York Post.

Notizia che dovrebbe sollevare quantomeno un dibattito sul rapporto tra rischi e benefici di simili sperimentazioni, per proporre dei limiti etici alle ricerche nel campo del post-umano, le cui ombre si stanno allungando fino a sfiorare la mente e il corpo dell’uomo.

[di Enrica Perucchietti]

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Articoli correlati

5 Commenti

  1. Evidente lui ce l’ha già il chip in testa… e non è servito impiantarglielo: è un tarlo che si crea divenendo prima schiavi e poi carnefici del sistema economico mondiale: basato sull’usa e getta, sul cambiare di continuo le cose che funzionano, sul rottamare il buono perché si pretende sempre di più, sul forzare l’adeguamento, sul sottoporre all’interesse economico e di potere anche la salute, la cultura, i rapporti umani e ogni forma di buon senso. La speranza è solo in noi: nelle nostre scelte quotidiane e nei sì e nei no che trasmettiamo con l’esempio ai figli e a chi ci circonda; sempre e solo con autorevolezza e mai con autoritarismo. Evitiamo ogni giorno di avere bisogno delle cose e soprattutto delle persone sbagliate, Grazie

  2. Questo accada perché i nerd hanno colonizzato i ruoli chiave in ogni ambito.

    Persone del genere in passato venivano rinchiuse, oggi vengono adulate come un oracolo e prese come riferimento.

    Mi auguro che il pianeta faccia pulizia prima che accada una cosa del genere

  3. Sarò profetico,ma ancora noi non abbiamo risolto i confilitti tra noi esseri umani e pensiamo di spingerci oltre noi stessi.
    Non abbiamo sconfitto la fame nel mondo,l’ignoranza ,la dipendenza dagli smartphone ,dalle droghe,dal cibo e pensiamo di risolvere i nostri problemi andando avanti ,ma ci poniamo mai una domanda; dove c… stiamo andando? Verso dove? Ci stiamo spingendo oltre?

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Articoli nella stessa categoria

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI