sabato 25 Maggio 2024

Basta pagare! Duemila in corteo ad Ancona contro il caro bollette

Erano circa duemila a comporre il lungo corteo che ha attraversato le strade di Ancona, nella data simbolica del 16 ottobre, a un mese dall’alluvione che causò 11 morti nelle Marche. Ad aprire la protesta un lungo striscione con la scritta “Basta pagare! Devastazioni ambientali, cambiamenti climatici, crisi economica, carovita e caro bollette”. Problemi all’apparenza molto diversi, ma secondo gli organizzatori accumunati dall’essere il prodotto delle medesime politiche disastrose di un sistema basato sul profitto che produce disastri che poi vengono pagati dai cittadini. I comitati organizzatori, d’altra parte, riflettono una saldatura che è in atto in tutta Italia tra associazioni ecologiste ed in difesa dei diritti sociali ed economici, con l’organizzazione contro il caro bollette “Noi non paghiamo” che marciava a fianco dei giovani di Fridays For Future.

Dal megafono si sono alternate molteplici richieste: quella di una ricostruzione rapida dei territori danneggiati dall’alluvione, quella di una moratoria immediata sulle bollette, quella di una revisione profonda del PNRR per chiedere che venga messo al centro il recupero dei territori dissestati, la messa in sicurezza dei territori e una uscita reale da un modello produttivo ancora basato sui combustibili fossili. Slogan anche contro gli Stati Uniti, accusati di voler imporre la propria politica energetica sfruttando cinicamente la guerra tra Russia e Ucraina. Momenti di tensione con le forze dell’ordine, schierate in assetto antisommossa, davanti al rettorato, dove la questura intendeva far cessare il corteo. Dopo una trattativa questo è invece proseguito fino alla centrale piazza Roma, dove è stato improvvisato un rogo delle bollette per rilanciare la campagna di disobbedienza civile “Noi non paghiamo“.

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Ti è piaciuto questo articolo? Pensi sia importante che notizie e informazioni come queste vengano pubblicate e lette da sempre più persone? Sostieni il nostro lavoro con una donazione. Grazie.

Articoli correlati

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Articoli nella stessa categoria

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI