giovedì 1 Dicembre 2022

Londra, catena umana intorno al Parlamento per la libertà di Julian Assange

Nella giornata di ieri migliaia di persone si sono riunite per formare una catena umana intorno al Parlamento di Londra e chiedere la liberazione di Julian Assange. L’appello era stato lanciato sulla pagina della campagna Don’t Extradite Assange da Stella Morris, moglie del giornalista australiano, la quale ha partecipato insieme ai figli, che indossavano felpe con la scritta Free my dad. Nelle stesse ore, in segno di solidarietà con l’iniziativa londinese, una catena umana a sostegno di Assange si è formata a Melbourne, città natale del giornalista, alla quale hanno partecipato anche il padre e il fratello del giornalista.

Tra gli oltre 5 mila che hanno preso parte alla manifestazione londinese si contavano anche personalità di rilievo tra i quali i membri del Parlamento John McDonnell e Jeremy Corbyn, quest’ultimo ex leader del partito Laburista, oltre all’attore Russel Brand. Tra i principali mezzi di informazione, tuttavia, solamente Reuters ha dato spazio alla notizia della manifestazione. Assange si trova dal 2019 chiuso nella prigione londinese di Belmarsh e rischia l’estradizione negli Stati Uniti, dove sconterà una condanna a 175 anni di carcere per svariati reati, tra i quali quello di cospirazione e violazione della legge sullo spionaggio. Le accuse gli sono state rivolte dopo che il sito WikiLeaks, da lui fondato, ha reso pubblici alcuni documenti classificati che hanno messo in luce i crimini di guerra perpetrati dagli Stati Uniti in Afghanistan e Iraq. Nel luglio scorso gli avvocati difensori di Assange hanno presentato ricorso contro l’Alta Corte britannica contro la decisione di estradarlo.

[di Valeria Casolaro]

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Correlati

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI