sabato 10 Dicembre 2022

L’Italia invia altre armi all’Ucraina, senza voto parlamentare

Sono emerse le prime indiscrezioni riguardo la tipologia di armi inviate all’Ucraina dall’Italia, dopo che due giorni fa il ministro della Difesa Lorenzo Guerini ha presentato al Copasir il quinto decreto interministeriale sulla “cessione di mezzi, materiali ed equipaggiamenti militari”. Come i precedenti decreti, anche questo – parte integrante degli “affari correnti” del governo Draghi – è secretato tanto per i mezzi d’informazione quanto per i Parlamentari e non è stato quindi necessario il benestare di Camera e Senato per la sua approvazione.

La tipologia di armi da inviare non è stata resa ufficialmente nota, così come non se ne conosce il valore complessivo, ma secondo alcune ricostruzioni giornalistiche tra queste vi sarebbero missili controcarro, sistemi di difesa aerea Stinger, mortai, mitragliatrici pesanti e leggere, munizionamento di artiglieria, cingolati per trasporto truppe, sistemi di comunicazione e razioni k. La lista è stata compilata dopo che il ministro Guerini ha incontrato il proprio omologo ucraino, Oleksii Reznikov, lo scorso 22 settembre, il quale ha illustrato le attuali esigenze di Kiev nel conflitto.

A protestare contro l’invio del materiale bellico solamente il Movimento 5 Stelle. D’altronde, nel corso della telefonata svoltasi due giorni fa con il presidente ucraino Volodymyr Zelensky la neoeletta premier Giorgia Meloni ha ribadito il pieno appoggio dell’Italia a Kiev nel conflitto contro la Russia e il “pieno supporto alla causa della libertà del popolo ucraino”, sottolineando – ironicamente – il proprio “impegno per ogni sforzo diplomatico utile alla cessazione del conflitto”armi.

Nel frattempo l’ambasciata russa in Italia ha lanciato, in un tweet, una tagliente replica alla notizia del nuovo invio di armi a Kiev da parte di Roma, commentando che “Le forniture di armi all’Ucraina non aiutano a risolvere il problema del caro-bollette”.

[di Valeria Casolaro]

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

8 Commenti

  1. La Meloni? una pura ipocrita che si è infilata da anni nel miglior dei modi (centrista, destra ed infine ultradestra). Le solite bandiere sventolanti alla Renzi, dove l’opportunismo è di casa.
    D’altronde, una persona la si giudica dalle sue espressioni : comportamentali, linguistiche e una in particolare che definisce la sua personalità, il suo sguardo nel vuoto, sfuggente, o vispo, quindi totalmente falso. Nella stessa misura, è sufficiente osservare lo sguardo di Van der Leyen, il cui plagio del 75% del suo dottorato la dice lunga.

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Correlati

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI