sabato 1 Ottobre 2022

Perquisizione Trump: l’FBI cercava documenti su armi nucleari

Nella residenza dell’ex presidente Donald Trump, «l’FBI cercava documenti riservati sulle armi nucleari». È quanto sostiene il Washington Post che cita fonti esclusive vicine alle indagini. Secondo gli agenti, i documenti riservati sarebbero stati portati via dalla Casa Bianca, rischiando così di cadere nelle mani sbagliate: le fonti, tuttavia, non hanno chiarito se le informazioni siano relative ad armi nucleari in possesso degli Stati Uniti o di altre potenze straniere. Il procuratore generale Merrick Garland ha dichiarato di avere approvato personalmente la perquisizione, parlando di «sostanziale interesse pubblico per la questione». Dal canto suo, Trump ha detto di «non opporsi» alla divulgazione del mandato di perquisizione dell’FBI.

Ultime notizie

L’annessione delle regioni ucraine segna il punto di rottura definitivo tra Russia e Occidente

Nella giornata di ieri, 30 settembre, si è svolta la cerimonia ufficiale – nella sala di San Giorgio del...

In Europa ritorna la fauna selvatica: le misure di protezione stanno funzionando

In Europa, grazie a molte azioni di conservazione, la fauna selvatica sta dando segnali di ripresa, dimostrando che la...

Disobbedienza civile

Propongo volentieri due riflessioni di Henry David Thoreau, sulla schiavitù, la prima da 'Disobbedienza civile', 1849, la seconda da...

La Germania rompe il fronte europeo sul caro energia: la Meloni sta con la BCE

Il governo tedesco ha annunciato nella giornata di ieri l’introduzione di uno «scudo difensivo» da 200 miliardi di euro...

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI