lunedì 15 Agosto 2022

L’industria dei chip taiwanese e le controversie tra Cina e USA

La presenza della politica statunitense Nancy Pelosi sull’isola di Taiwan sta scatenando un putiferio diplomatico che alcuni già identificano come la quarta crisi dello stretto di Formosa. La Cina legge la visita diplomatica come un affronto alla propria autorità, cosa che a sua volta sta esacerbando i già complessi rapporti tra Taipei e Beijing. In questo scenario così complesso l’industria dei microchip si fascia la testa per attutire i timori di una possibile invasione, i quali stanno incidendo non poco sul valore delle azioni connesse al settore tecnologico asiatico. Taiwan conta la produzione di circa il 26% della domanda di semiconduttori mondiali, percentuale che supera il 90% nel settore dei microchip di ultima generazione, il 65% dei chip utilizzati negli Stati Uniti hanno origine sull’isola. Sottolineare che queste fonderie rappresentino un obiettivo sensibile è lapalissiano e il mondo intero è ben consapevole che queste industrie figurerebbero tra i primi bersagli da controllare – o distruggere – nel caso di un’eventuale avanzata cinese.

Risulta improbabile l’esplosione effettiva di una guerra, perlomeno nell’immediato, ma il Mercato ha comunque reagito negativamente all’aumentare delle tensioni. I Composite Index di Taiwan, Shanghai e Hong Kong hanno perso punti, un destino condiviso con molte aziende cinesi. In questo fosco panorama finanziario, il CEO della Taiwan Semiconductor Manufacturing Co. (TSMC), Mark Liu, ha sentito la necessità di intervenire ai microfoni della CNN per esprimere un utilitaristico messaggio di distensione bellica.

«L’interruzione del nostro operato creerebbe molti disagi da ambo le parti», ha dichiarato Liu facendo riferimento al fatto che le fonderie di Taiwan coprono anche il 10% della domanda tech cinese. «Improvvisamente le loro componenti più avanzate scomparirebbero dal mercato. […] Nessuno nel mondo degli affari vuole veder scoppiare una guerra». La posizione del dirigente è condivisa e attuale, tuttavia non è detto che la situazione rappresenti una costante destinata a reggere anche nel futuro.

La pandemia ha contribuito a palesare quanto Europa e Nord America siano dipendenti dalle aziende cinesi, uno shock che ha spinto i Paesi occidentali ad attrezzarsi per costruire entro i propri confini nuove fonderie di semiconduttori. In tal senso, gli Stati Uniti stanno perfezionando i loro progetti facendo affidamento proprio sulla consulenza di TSMC, la quale sta prestando il suo know-how partecipando attivamente ai programmi di Washington.

C’è altresì da chiedersi quale sarà il destino di Taipei una volta che USA e UE potranno sopravvivere senza i suoi microchip. La situazione è dunque ulteriormente complicata dal claudicante clima politico che deve affrontare in questo periodo l’Amministrazione Xi Jinping. Le radicali politiche di lotta al Covid adottate dalla Cina hanno danneggiato l’economia del gigante asiatico, ma l’attuale Presidente deve assicurarsi che il Paese appaia forte e stabile, soprattutto tenendo conto che c’è in ballo un terzo mandato presidenziale.

[di Walter Ferri]

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Correlati

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI