venerdì 12 Agosto 2022

Dopo centinaia di anni i bisonti sono tornati in Inghilterra

Da tempo immemore i bisonti non calpestavano più il suolo inglese, ma ora stanno tornando. Quattro esemplari, per cominciare, grazie a un progetto di conservazione che si chiama The Wilder Blean e si pone l’obiettivo di trasformare un’antica pineta in un’oasi di biodiversità, con l’introduzione di un gruppo di bisonti europei nella contea del Kent, vicino a Canterbury.

Il bisonte europeo è il più grande erbivoro d’Europa. Lungo quasi tre metri e alto più di due, può pesare dai 300 ai 920 chili. Questo giunse sull’orlo dell’estinzione all’inizio del secolo scorso, a causa della perdita di habitat e della caccia, per poi essere salvato e reintrodotto tramite numerosi programmi di tutela in diversi Paesi, come Germania e Polonia. Mancava all’appello il Regno Unito, dove il bisonte europeo non c’era più da tantissimi anni. Oggi, grazie a The Wilder Blean, sono già stati liberati i primi esemplari, tre femmine cresciute in un allevamento irlandese, una delle quali sarà la “matriarca” della futura mandria. A breve, dalla Germania, arriverà il maschio e avrà così inizio la riproduzione. Inizialmente i bufali avranno a disposizione 55 ettari di bosco, un’area recintata in cui potranno iniziare ad ambientarsi, poi lo spazio a loro disposizione verrà aumentato fino a 200 ettari.

The Wilder Blean, progetto di conservazione da circa 1,3 milioni di euro e finanziato quasi interamente da donazioni private, punta a utilizzare la natura per rigenerare natura. La sua speranza è che i bisonti, nutrendosi, ripuliscano il bosco di conifere del Kent provocando l’arrivo di nuove specie animali e vegetali. I grandi mammiferi, infatti, vengono definiti “ingegneri dell’ecosistema”, poiché nutrendosi delle cortecce provocano la caduta e scomparsa di alcuni alberi, e l’apertura di varchi di luce con la crescita di altre specie arboree. Inoltre, questo grande animale ama i bagni di polvere e, smuovendo il terreno, creerà zone che attireranno altri animali, quali insetti e uccelli. Non solo, il bufalo svolge un ruolo importante anche nella dispersione dei semi, i quali si attaccano alla sua pelliccia. Pertanto, l’introduzione di questo mammifero potrebbe ripristinare un’area da tempo danneggiata dall’attività dell’uomo, trasformandola in un paesaggio ricco di biodiversità.

[di Eugenia Greco]

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

1 commento

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Correlati

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI