lunedì 6 Febbraio 2023

Ucraina, morto “mercenario” britannico catturato da separatisti filorussi

Paul Urey, operatore umanitario britannico di 45 anni, è morto mentre tenuto prigioniero dai separatisti filorussi nell’autoproclamata Repubblica Popolare di Donetsk (DNR) perché accusato di essere un mercenario. Urey è morto il 10 luglio, ma la notizia è stata data solo oggi: secondo quanto dichiarato dalle autorità le cause sarebbero “malattia e stress”. Urey soffriva di diverse patologie note ai separatisti filorussi. Il ministro degli Esteri britannico Liz Truss si è detta “sconvolta” dalla notizia, e ha aggiunto che “la Russia deve prendersi piena responsabilità per questo”. Urey era stato in passato combattente professionista in scenari Afghanistan, Iraq e Libia, ma si trovava in Ucraina come volontario per gli aiuti umanitari.

Ultime notizie

Vaccini Covid: ora anche i ricercatori dell’ISS chiedono di rivalutare rischi e benefici

Tre ricercatori del Centro nazionale per il controllo e la valutazione dei farmaci, afferente all'Istituto Superiore della Sanità (ISS),...

La guerra in Ucraina logora chi (ufficialmente) non la fa?

Scriveva lo storico Fabrizio Maria Lo Monaco che “La diplomazia a volte conta più della politica” e, se questo...

L’ultima puntanta dei Twitter Files svela la bufala dei bot russi

«Era una truffa». Così nella quindicesima puntata dei Twitter Files, il giornalista indipendente Matt Taibbi ha smontato l’accusa di...

I portuali di Genova chiamano tutti a una grande manifestazione per la pace il 25 febbraio

I portuali del CALP (Collettivo Autonomo Lavoratori Portuali) di Genova, da anni impegnati nel contrasto al traffico di armi...

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI