domenica 4 Dicembre 2022

Domenica 19 giugno

8.00 – Francia: seggi aperti in occasione del secondo turno delle elezioni legislative.

9.00 – Il segretario generale della NATO, Jens Stoltenberg, ha affermato che la guerra in Ucraina potrebbe durare anni.

9.30 – Usa: per la prima volta i dipendenti di un negozio Apple hanno votato a favore dell’adesione ad un sindacato.

11.30 – Germania: annunciate alcune misure di emergenza volte a “risparmiare gas”, fronteggiando così i tagli degli approvvigionamenti russi.

12.00 – Gas: Eni entra nel più grande progetto al mondo relativo al Gnl, in Qatar.

12.30 – Cisgiordania: un palestinese è stato ucciso dai soldati israeliani, lo riporta l’agenzia di stampa dell’Autorità Nazionale Palestinese.

14.00 – Migranti: al largo dell’isola di Mykonos la Guardia costiera greca ha salvato più di 100 persone a bordo di un’imbarcazione in difficoltà.

15.30 – Ucraina: la Verkhovna Rada, il Parlamento di Kiev, ha vietato libri e musica russi.

18.00 – Il ministro degli Esteri russo Sergej Lavrov ha affermato che gli Usa non riusciranno a zittire la Russia nel settore degli affari internazionali.

Ultime notizie

La lotta dei genitori di Beatrice contro una scuola che ancora esclude i disabili

Una nuova petizione apparsa su Change.org ha dato luce a un’ingiustizia che caratterizza le scuole italiane e riguarda gli...

Come funziona, realmente, il sistema di potere in Cina

Tutti quanti sappiamo che la Cina è una potenza con la quale fare i conti e che sta prendendo...

L’Italia nazionalizza la raffineria russa Lukoil per salvarsi dalle sanzioni

La raffineria Isab di Priolo, di proprietà della compagnia russa Lukoil, è stata nazionalizzata dal Governo guidato da Giorgia...

Stupro come strategia dell’esercito russo: l’inviata ONU ammette la fakenews

Un elemento comune alla propaganda bellica che si ripete con lo stesso identico schema dall’Iraq alla Libia, dalla Siria...

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI