sabato 25 Giugno 2022

Ecomafie: quando devastare l’ambiente alimenta business e potere

Quando la mafia esercita oppressione e violenza sugli individui, si fa sentire forte e chiara. Quando un esponente delle istituzioni o un picciotto sul quale pende la condanna a morte da parte di un clan avverso cade per terra con un buco in testa, la matrice mafiosa del delitto può essere agevolmente accertata. Lo stesso succede, poi, quando si registrano episodi di tentata estorsione o intimidazione ai danni di commercianti o di tentata corruzione di funzionari pubblici. La storia, in particolare quella riferita all’era degli omicidi eccellenti e delle stragi degli anni ottanta e novanta, ci...

Questo è un articolo di approfondimento riservato ai nostri abbonati.
Scegli l'abbonamento che preferisci e prosegui con la lettura dell'articolo.

Se sei già abbonato effettua l'accesso compilando i campi qui sotto o utilizza il pulsante "accedi" posizionato in alto a destra, nella parte superiore del sito. 

ABBONATI / SOSTIENI

Benefici di ogni abbonato

  • THE SELECTION: newsletter giornaliera con rassegna stampa dal mondo
  • Accesso a rubrica FOCUS: i nostri migliori articoli di approfondimento
  • Possibilità esclusiva di commentare gli articoli
  • Accesso al FORUM: bacheca di discussione per segnalare notizie, interagire con la redazione e gli altri abbonati

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

3 Commenti

  1. Scusate un po’ ma di chi sono gli aerei scorreggioni che da anni con grande frequenza imbrattano i nostri cieli?!? Io temo dei militari….quindi il reato di ecomafia lo fa anche lo Stato, mentre sancisce leggi antimafia ed ecofriendly…ipocrisia a tutto spiano!!!

  2. Le parole del primo storico pentito di mafia Buscetta (la mafia ha bisogno dello stato, come il pesce ha bisogno dell’acqua) e io aggiungerei viceversa, rimangono sempre nell’aria a ricordarci che il fenomeno mafioso non sarà destinato a scomparire come si augurava Falcone, definendolo un fenomeno culturale,destinato a finire.

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Correlati

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI