giovedì 30 Giugno 2022

Italia: le disposizioni pandemiche tornano in vita per votare ai referendum

Anche nel periodo post pandemico i cittadini che vorranno esercitare il proprio diritto di voto dovranno attenersi a tutta una serie di restrizioni anti Covid: in occasione dei referendum sulla giustizia e delle elezioni amministrative del 12 giugno, infatti, vi sarà sostanzialmente un ritorno delle classiche misure utilizzate durante l’emergenza sanitaria. Come previsto dal protocollo sanitario e di sicurezza firmato dal Ministro della Salute, Roberto Speranza, e dal Ministro dell’Interno, Luciana Lamorgese, gli elettori dovranno indossare la mascherina chirurgica per accedere ai seggi, a differenza di quanto stabilito per quasi tutti i luoghi pubblici. Non solo, poiché al momento dell’accesso nel seggio l’elettore dovrà procedere alla “igienizzazione delle mani con gel idroalcolico”, da mettere a disposizione “in prossimità della porta”. Inoltre, “dopo essersi avvicinato ai componenti del seggio per l’identificazione e prima di ricevere la scheda e la matita, provvederà ad igienizzarsi nuovamente le mani”. Completate le operazioni di voto, poi, all’elettore “è consigliata una ulteriore detersione delle mani” prima di lasciare il locale in cui si svolgono le operazioni di votazione.

La mascherina chirurgica, inoltre, dovrà essere utilizzata da ogni altro soggetto avente diritto all’accesso al seggio (ad esempio i rappresentanti di lista), mentre i componenti dei seggi, durante la permanenza al loro interno, dovranno “indossare la mascherina chirurgica” e sostituirla “ogni 4-6 ore e comunque ogni volta risulti inumidita o sporca o renda difficoltosa la respirazione”. Questi ultimi, poi, dovranno comunque “mantenere sempre la distanza di almeno un metro dagli altri componenti e procedere ad una frequente e accurata igiene delle mani”. Consigliato inoltre l’uso dei guanti, ma solo per “le operazioni di spoglio delle schede”.

Per quanto riguarda infine l’allestimento dei seggi, occorre tra l’altro “prevedere percorsi dedicati e distinti di ingresso e di uscita, chiaramente identificati con opportuna segnaletica”, ed “i locali destinati al seggio devono prevedere un ambiente sufficientemente ampio per consentire il distanziamento non inferiore a un metro sia tra i componenti del seggio che tra questi ultimi e l’elettore”. In pratica, i cittadini che decideranno di recarsi alle urne dovranno rispettare anche una distanza interpersonale di almeno un metro, mentre non dovranno essere dotati del green pass, per il quale non viene fatta alcuna specifica.

[di Raffaele De Luca]

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

7 Commenti

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Correlati

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI