domenica 4 Dicembre 2022

Martedì 24 maggio

9.00 – Unicef, oltre 20 milioni di bambini che vivono nei 39 Paesi dell’Ocse e dell’Ue hanno livelli elevati di piombo nel sangue.

9.30 – La Dia perquisisce la casa dell’inviato di Report Paolo Mondani e la redazione il giorno dopo la messa in onda dell’inchiesta sulla strage di Capaci.

10.20 – Il ministro dell’Economia tedesco annuncia che l’Ue «concorderà probabilmente un embargo sulle importazioni di petrolio entro pochi giorni».

10.30 – Giappone, Usa, India e Australia investiranno 50 miliardi di dollari in infrastrutture nell’Indo-Pacifico.

11.00 – Pechino a Washington: “Non c’è forza al mondo che possa salvare il destino delle forze dell’indipendenza di Taiwan dal fallimento”.

12.30 – Rosato, presidente di Italia Viva, annuncia che dal 15 giugno partirà la raccolta firme per abolire il reddito di cittadinanza.

16.00 – Jet cinesi e russi volano sul mar del Giappone durante un incontro tra i leader del blocco dei Quad a Tokyo incentrato sulla sicurezza regionale.

17.45 – Tedros Adhanom Ghebreyesus è stato rieletto Direttore generale dell’Organizzazione mondiale della sanità per la seconda volta.

19.30 – Sicilia, tornati in attività i vulcani Etna, Vulcano e Stromboli.

20.15 – Crisi del grano, la Nato chiede a Putin di sbloccare i porti ucraini per permettere la ripresa dell’export.

Ultime notizie

La lotta dei genitori di Beatrice contro una scuola che ancora esclude i disabili

Una nuova petizione apparsa su Change.org ha dato luce a un’ingiustizia che caratterizza le scuole italiane e riguarda gli...

Come funziona, realmente, il sistema di potere in Cina

Tutti quanti sappiamo che la Cina è una potenza con la quale fare i conti e che sta prendendo...

L’Italia nazionalizza la raffineria russa Lukoil per salvarsi dalle sanzioni

La raffineria Isab di Priolo, di proprietà della compagnia russa Lukoil, è stata nazionalizzata dal Governo guidato da Giorgia...

Stupro come strategia dell’esercito russo: l’inviata ONU ammette la fakenews

Un elemento comune alla propaganda bellica che si ripete con lo stesso identico schema dall’Iraq alla Libia, dalla Siria...

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI