sabato 21 Maggio 2022

Carcere di Capua Vetere: 107 agenti verso il processo per le violenze sui detenuti

La Procura ha chiesto il rinvio a giudizio per 107 persone, tra poliziotti della Penitenziaria e funzionari del Dipartimento dell’Amministrazione penitenziaria (DAP), imputati per le violenze ai danni dei detenuti avvenute nell’aprile del 2020 nella casa circondariale casertana di Santa Maria Capua Vetere e registrate da alcune telecamere di sicurezza. La richiesta del rinvio a giudizio è stata avanzata nel corso dell’udienza preliminare davanti al gup Pasquale D’Angelo, ad alcuni mesi dal primo incontro, risalente a fine 2021. Nel corso della seduta, è stato richiesto per uno dei 108 imputati iniziali il proscioglimento, misura che va ad aggiungersi ad altri dodici analoghi provvedimenti avanzati dalla Procura alcuni mesi fa. 2 dei restanti 107 accusati hanno chiesto, invece, di poter accedere al rito abbreviato.

Il 15 dicembre 2021 è iniziata nell’aula bunker del carcere campano di Santa Maria Capua Vetere l’udienza preliminare del processo legato alle violenze nei confronti dei detenuti della casa circondariale “Francesco Uccella”. I 108 imputati (divenuti 107 nell’udienza di ieri) sono accusati a vario titolo di: tortura, lesioni, abuso di autorità, falso in atto pubblico e cooperazione nell’omicidio colposo del detenuto algerino Lakimi Hamine (addebitato a 12 individui). Per quanto riguarda il reato di tortura, esso viene contestato a circa 50 pubblici ufficiali: si tratta della prima volta dall’introduzione, nel 2017, dello stesso. Nei prossimi giorni, ai fini del proseguimento dell’iter giudiziario, il gup Pasquale d’Angelo dovrà esprimersi sulla richiesta avanzata dalla Procura, approvando o meno il rinvio a giudizio per i 107 imputati che, nel caso, dovranno presentarsi dinanzi al giudice di primo grado per difendersi dalle accuse emerse in seguito allo svolgimento e alla conclusione delle indagini investigative.

[Di Salvatore Toscano]

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Correlati

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI