sabato 10 Dicembre 2022

M5S contro l’aumento delle spese militari, Governo a rischio crisi

Giuseppe Conte ha affermato ai microfoni de La Stampa che il Movimento 5 Stelle «non potrebbe assecondare un voto che individuasse come prioritario l’incremento delle spese militari a carico del nostro bilancio nazionale. In questo caso il Movimento non potrebbe fare altro che votare contro». Una posizione del genere potrebbe generare una spaccatura nella maggioranza e portare a una crisi di governo. Sulla questione, Conte ha aggiunto che «ognuno farà le sue scelte», scatenando l’immediata reazione dei partiti di maggioranza, tra cui il Pd che attraverso le parole del leader Enrico Letta ha rassicurato circa una soluzione futura.

La decisione di Giuseppe Conte arriva a pochi giorni dall’approvazione da parte della Camera di un ordine del giorno (O.d.G.) che impegna il Governo ad avviare l’incremento delle spese per la Difesa verso il 2% del Prodotto lnterno Lordo (PIL). Lo stesso leader del M5S ha citato tale soglia, frutto di un accordo informale (non ratificato dalle Camere) in ambito NATO, definendola un «impegno non cancellabile», nonostante non costituisca un obbligo vincolante per il bilancio dello Stato. Tuttavia, Conte non è il solo a preoccuparsi di tale soglia, visto che secondo il Pd “il No all’aumento della spesa militare rischierebbe di trascinare l’Italia fuori dalla NATO” e lo stesso Presidente del Consiglio, Mario Draghi, ha definito le indicazioni come «un obiettivo promesso all’Alleanza», ribadendo la volontà di «creare una difesa europea» e quindi di adeguarsi alla soglia del 2%. In netta contrapposizione a tale direzione appare il leader del M5S, che se da un lato non ha rinnegato l’obiettivo tracciato dall’Alleanza, dall’altro ha affermato che «in un momento come quello attuale di caro-bollette, dopo due anni di pandemia, e con la recessione che si farà sentire sulla pelle di famiglie e imprese, non si capisce per quale motivo le priorità debbano essere le spese militari».

[Di Salvatore Toscano]

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

8 Commenti

  1. Quindi anziché, come al solito, migliorare un po’ trasporti pubblici, sanità e istruzione, questi verranno ulteriormente affossati. Dati Eurostat dicono che da anni per spese di istruzione sulla spesa pubblica totale siamo gli ultimi in Europa.
    Libro e moschetto, il draghetto perfetto!!!

  2. Questo lestofante sta facendo il teatrino perché non può farlo sempre Salvini e la Meloni, così poi finisce tutto a pacche sulle spalle e questi criminali ci portano in guerra per salvaguardare il processo di smantellamento del tessuto sociale, sanitario ed economico del paese. Questa gente lavora per il Nuovo Ordine non lavora neanche più per l’America.

    • Ho trovato il suo commento più equilibrato di tanti altri , certo che bisogna andarci con i piedi di piombo su questo ordine mondiale per non cadere nel complottismo . Esiste ma bisogna stare attenti ,secondo me , a non inventare cose come altri hanno fatto .

  3. Caro conte! La priorità sono le spese militari perchè il padrone americano ha detto così! E siccome i governi europei sono i lacchè degli americani, non c’è recessione che tenga, i soldi vanno dati agli amici e non al popolo dal quale i ricchi e i potenti non ricavano nulla!

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Correlati

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI