lunedì 23 Maggio 2022

La Polonia verso le restrizioni anti-Covid su basi genetiche

I ricercatori dell’Università di Medicina di Bialystok, in Polonia, guidati dai professori Marcin Moniuszko e Mirosław Kwaśniewski, hanno scoperto che la genetica è il quarto fattore più importante nel determinare la gravità della malattia dopo età, peso e sesso. Lo studio, Analisi del genoma del virus SARS-CoV-2 e del genoma dei pazienti con COVID-19 per sviluppare una serie di marcatori genetici che determinano la suscettibilità individuale all’infezione da coronavirus SARS-Cov-2 e la gravità del corso COVID-19, è stato supportato dal Ministero della Salute e dall’Agenzia per la ricerca medica del Paese e ha coinvolto circa 1.500 pazienti con Sars-Cov2. Dai risultati di tale studio si apprende che un gene che si trova nel cromosoma 3, presente in circa il 14% della popolazione polacca e nel 9% degli europei, come nel 27% degli indiani, sarebbe responsabile dell’aggravarsi della malattia. Il risultato confermerebbe un studio pubblicato nel novembre scorso dalla Oxford University. Una ricerca certamente importante, in base alla quale il governo polacco ha dichiarato di voler intraprendere misure legislative che denotano evidenti rischi sul piano etico e politico.

Nella conferenza stampa tenuta presso l’Università di Bialystok, con la partecipazione del Ministro della Salute, Adam Niedzielski, e del Presidente dell’Agenzia di ricerca medica, Radoslaw Sierpiński, in cui sono stati comunicati i risultati della ricerca, i rappresentanti del governo hanno fatto sapere che sulla base delle conclusioni dello studio, la politica intende adesso agire. Niedzielski ha spiegato che a breve «saremo in grado di identificare le persone con una predisposizione a soffrire gravemente di Covid» mentre il professor Moniuszko ha riferito che «tale test può aiutare a identificare meglio le persone che, se infettate, possono essere a rischio di un rapido decorso della malattia prima che si verifichi l’infezione» e quindi non solo curare in maniera puntuale e specifica coloro che si ammalano ma, soprattutto, intervenire preventivamente su coloro che, sulla base della propria genetica, sono considerate “a rischio”. Un test genetico, che il ministero della Salute polacco vorrebbe adesso introdurre, permetterebbe di individuare le persone su cui agire col fine di porre in atto misure politiche ad hoc, anche preventive.

Nei nuovi tempi della scienza usata come stampella-dogma per il potere costituito, l’uso politico di questa ricerca avrebbe chiare implicazioni. Per esempio, coloro ritenuti a rischio di contrarre in forma grave la malattia, sulla base del gene incriminato, potrebbero essere preventivamente confinati in casa oppure essere costretti alla vaccinazione, come a portare la mascherina oppure a non poter frequentare certi luoghi. Insomma, sulla base genetica, potrebbero essere prese misure politiche specifiche per un determinato gruppo di persone, limitandone le libertà. Il rischio di una politica eugenetica è sul tavolo.

[di Michele Manfrin]

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

12 Commenti

  1. Cosa molto pericolosa. Qui si sta sdoganando la possibilità di effettuare un trattamento sanitario probabilmente forzoso su basi genetiche delle persone. Chi stabilisce la base genetica? La pseudo scienza al soldo delle multinazionali e della politica mondialista.
    Ripeto, cosa molto molto pericolosa. Chi non ne percepisce la pericolosità, non ha capito bene il mondo in cui viviamo.

  2. Come sempre c’è chi vede il bicchiere mezzo vuoto, io preferisco vederlo mezzo pieno: individuare chi geneticamente è soggetto al COVID con esiti infausti aiuta a prevenire e a curare meglio (antivirali, anticorpi monoclonali) i soggetti a rischio

  3. La vera preoccupazione che questa ricerca crea a prescindere che possa essere rivelarsi vera o meno, è l’uuso che potrebbe esserne fatto. Un giornalista scomodo o un politico scomodo costretti a subire restrizioni perché geneticamente predisposti al covid. Mi solo da pensare che i film distopici o quelli di fantascienza abvisno in qualche modo predetro il futuro; sto iniziando a pensare che forse quei film ci stiano abituando ad un futuro anzi a un presente oramai prossimo.

  4. i commenti non servono più, siamo come una piccola barchetta di carta in mezzo al mare in tempesta veniamo sballottati ovunque, meglio affondare e farla finita, la vita se deve essere vissuta bene ok, altrimenti non ha senso!! meglio il sonno eterno.

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Correlati

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI