domenica 28 Novembre 2021

L’Europa continua a tenere nascosti i contratti sui vaccini anti-Covid

La Commissione europea si rifiuta di rendere pubblici i contratti siglati con le Big Pharma per l’accesso ai vaccini e i nomi dei negoziatori che conducono le trattative. Una ristrettissima dose di informazioni è garantita ad appena il 3% degli eurodeputati, cui è concesso un tempo di circa tre minuti di consultazione per ciascun contratto. I contratti stessi sono in larga parte oscurati ed è negata l’autorizzazione a divulgare le informazioni contenute. Gli ultimi contratti, oltre a prevedere un’impennata nei prezzi delle dosi, aumenterebbero di molto il potere di Bruxelles, in quanto conterrebbero i termini di acquisto delle “pillole anti-Covid”. Si tratta di procedimenti potenzialmente antidemocratici, durante i quali si dispone in modo poco trasparente dei miliardi di euro versati dai contribuenti.

I contratti sono visionabili all’interno di una dark room, cui gli eurodeputati ammessi accedono solo dopo aver firmato una clausola di segretezza che impedisce la divulgazione di quanto letto. La stessa procedura era utilizzata a gennaio, quando gli eurodeputati potevano visionare il contratto con CureVac, ma avevano 50 minuti di tempo a disposizione, contro i 30 di adesso per visionare la decina di contratti recentemente siglati.

Sono molti i punti oscuri che sollevano delle questioni, come quelli riguardanti l’aumento dei prezzi e le condizioni di accesso globale alle dosi. Secondo quanto riportato dall’inchiesta di Eu Observer infatti il “Team Europe” avrebbe assicurato fino ad oggi 4,6 miliardi di dosi per la popolazione dell’Unione Europea, di 448 milioni di persone. Si tratta di una sovrabbondanza che facilmente può condurre allo spreco, ma i fornitori hanno imposto clausole stringenti sulle donazioni. Un nuovo contratto con BioNTech-Pfizer, inoltre, prevede la consegna di altre 1,8 miliardi di dosi per il 2023 a un prezzo rincarato del 25%, nonostante uno studio dell’Imperial College di Londra mostri che il costo delle dosi dovrebbe aggirarsi intorno a poco più di un dollaro. Inoltre, in caso di difetti non immediatamente riscontrabili, il rischio finanziario e gli indennizzi ricadono sugli Stati acquirenti.

Numerosi deputati e ONG sono scesi in campo per combattere la clausola sulla segretezza, misura considerata altamente antidemocratica e pregiudicante per la trasparenza delle procedure, ma senza successo. Il 22 ottobre cinque deputati Verdi hanno depositato un ricorso presso la Corte di giustizia europea contro la Commissione, che non rivela nemmeno i nomi dei negoziatori. Stella Kyriakides, commissaria europea per la salute, avrebbe infatti dichiarato durante un’interrogazione parlamentare che “Tale pressione potrebbe effettivamente influenzare negativamente o mettere in pericolo il processo di negoziazione in corso e il suo obiettivo di ottenere un accesso a un vaccino Covid-19 sicuro e conveniente”. La trasparenza è invece “un prerequisito per stimolare e mantenere la fiducia del pubblico nei vaccini, per porre fine al nazionalismo dei vaccini e garantire la legittimità degli appalti comuni dell’UE” ha dichiarato Montserrat, europarlamentare spagnola.

Nonostante ciò, ancora non è possibile conoscere l’ammontare della cifra che è andata a ciascuna azienda né i nomi di coloro che hanno condotto i negoziati. Olivier Hoedeman, del comitato di controllo Corporate Europe Observatory, ha affermato: “Il pubblico ha diritto di sapere chi sta negoziando per conto dell’Ue”, in quanto si tratta di una “condizione preliminare per valutare i potenziali conflitti d’interesse“.

Il rischio è che, in futuro, tale pratica finisca per l’essere generalizzata.

[di Valeria Casolaro]

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiano né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

2 Commenti

  1. Questa Europa mostra inequivocabilmente, senza ombra di alcun dubbio il suo lato oscuro. È espressione del capitalismo finanziario che considera la massa dei cittadini come consumatori, non esseri umani. L’unico interesse è il consumo, poter far accumulare numeri virtuali che aumentano il potere di chi già lo detiene.

    L’unico modo per ribaltare la prospettiva è rifiutare l’utilizzo della loro contabilità di potere.

    Il rifiuto dell’utilizzo della loro contabilità, toglie al sistema finanziario il potere, la moneta (nel nostro caso l’euro) è un mero numero non collegato ad alcun valore reale, prodotto dal nulla dal sistema bancario nel suo insieme.

    Bit Coin, decentralizzato e inattaccabile poiché senza un riferimento societario su cui impostare azioni di rivalsa potrebbe essere una soluzione. Chi gestisce il sistema finanziario si è tuttavia reso conto della inattaccabilità del progetto e quindi ha incominciato ad accumularlo cercando di perturbare il sistema rendendolo molto volatile e soggetto alle stesse regole iper liberiste. Accumulare bit coin oggi per costoro significa mantenere il potere domani, detenendo la maggioranza della moneta circolante e quindi regolandone la scarsità.

    Una soluzione alternativa potrebbe, sempre attraverso l’utilizzo della blockchain, e rendendola acefala, una volta realizzato il progetto, costruire una moneta collegata ad un valore importante per far circolare l’economia reale. Questo valore che ogni uomo e donna su questa terra produce giornalmente, si chiama informazione.

    L’informazione è costituita sia da prodotti o servizi tangibili, sia da tutto ciò che serve per comunicarli che nel metaverso si chiamano big data.

    Se produco informazioni, produco ricchezza e questa ricchezza ha un valore. Se questa informazione si trasforma in denaro, da semplice consumatore chiudo il ciclo economico e divento l’io decentralizzato, riacquisto il mio valore come uomo inserito mella società, nel Noi.
    Questa moneta non è più una contabilità a debito ma genera collaborazione e libertà e toglie potere a chi ne ha troppo.
    Questa possibilità esiste già ora.

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di “The Week” prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Correlati