sabato 27 Novembre 2021

Trieste, tentativo di sgombero del presidio al Porto (aggiornamenti in diretta)

La polizia sta usando gli idranti per disperdere i manifestanti radunati nel porto di Trieste (qui le immagini e qui la diretta). I manifestanti si trovano davanti al Varco 4 e stanno protestando da diversi giorni contro la misura di obbligo del green pass obbligatorio a partire dal 15 ottobre.

I mezzi della polizia sono giunti di fronte al Varco 4 ed hanno aperto gli idranti contro i manifestanti, che stanno manifestando pacificamente. I poliziotti si sono mostrati in tenuta antisommossa, e i manifestanti, seduti per terra e in piedi, hanno risposto con cori come “la gente come noi non molla mai”. Dai video si vede la folla non reagire e un manifestante chiedersi “ma chi sta provocando?”.

Aggiornamento 9.57: I poliziotti usano gli idranti per disperdere la folla, ci sono i primi scontri tra poliziotti e manifestanti. I poliziotti avanzano poi lentamente, in tenuta antisommossa. I manifestanti rispondono con cori come “pace, amore e libertà” e “la gente come noi non molla mai”.

Aggiornamento 10.10: secondo quanto riportato dall’Agi, un dirigente delle Forze dell’Ordine avrebbe confermato il fermo di alcuni manifestanti dopo gli scontri con la polizia.

Aggiornamento 10.34: le Forze dell’Ordine continuano ad avanzare lentamente, costringendo i manifestanti ad indietreggiare. Molti manifestanti siedono in terra tenendosi per mano, molti di loro in lacrime. Altri rimangono in piedi con le braccia sollevate. I poliziotti chiedono a tutti di spostarsi nel parcheggio: in caso contrario, sembra che le Forze dell’Ordine avrebbero riferito che passeranno alla carica. Vengono nuovamente messi in funzione gli idranti contro la folla.

Aggiornamento 10.40: le Forze dell’Ordine avanzano contro i manifestanti. Un manifestante ha un malore e si accascia a terra.

Aggiornamento 10.58: le Forze dell’Ordine continuano con l’uso degli idranti, e lanciano gas lacrimogeni sulla folla. Parte poi la carica contro i manifestanti. Il Varco 4 viene sgomberato.

Aggiornamento 11.19: la polizia continua ad avanzare contro il muro di manifestanti, costringendoli ad indietreggiare sul Passeggio di Sant’Andrea. Continua il lancio di lacrimogeni, sul posto interviene anche un’ambulanza.

I manifestanti, dopo essersi dispersi in seguito alle cariche della polizia, hanno improvvisato un corteo e si sono diretti verso il centro di Trieste. Qui si sono fermati di fronte al Comune, protestando contro le violenze della polizia avvenute poco prima, intonando ancora lo slogan “La gente come noi non molla mai”.

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiano né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

4 Commenti

  1. Trieste non è Italia, e questa gestione criminale italiana della zona del Territorio Libero di Trieste assegnatela avrà conseguenze importanti.
    Il Consiglio di Sicurezza dell’ONU ha il dovere di intervenire, non solo perchè è l’unico responsabile del Territorio Libero e dei suoi cittadini come stabilito dal Trattato di Pace con l’Italia del 1947, ma anche perchè l’Italia ha violato la legge internazionale come la Carta delle Nazioni Unite, la Dichiarazione Universale dei Dirittti Umani, lo stesso Trattato di Pace con l’Italia, il Memorandum di Londra del ’54.
    Gli atti criminali e criminosi italiani devono essere sicuramente riconosciuti richiamati e puniti. Solamente un organo istituzionale internazionale come il Consiglio di Sicurezza può ed è obbligato a farlo!
    È chiaramente giunto il corretto momento storico per finalizzare quello che l’ONU ha iniziato nel ’47, è giunto il momento di dare al mondo quel esempio di internazionalità che l’umanità ha bisogno per sopravvivere evolversi migliorare e capire che l’umanità stessa, è una sola, il pianeta è uno solo.

  2. La polizia difende in grandi risultati raggiunti dal governo Italiano nella lotta alla pandemia:

    Morti in Italia nei primi 7 mesi dell’anno nella fascia di eta da 15 a 74 anno:

    – 2020 – 99,668 morti +5,813 morti rispetto la media 2011-2019
    – 2021 – 102,433 morti +8,578 morti rispetto la media 2011-2019

    Avanti con le vaccinazioni di massa, possibilmente anche ai neonati con +3 mesi, oppure +3 giorni……

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di “The Week” prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Correlati