mercoledì 29 Giugno 2022

Roger Waters rifiuta i soldi di Zuckerberg: “Sei uno degli idioti più potenti del mondo”

L’ex bassista e autore dei Pink Floyd, Roger Waters, ha rivelato di aver ricevuto offerte da Facebook: la multinazionale di Mark Zuckerberg intendeva utilizzare una delle sue canzoni in cambio di una «enorme quantità di denaro». Waters, ha ripetuto la risposta data di fronte alla platea: «Fottiti! Assolutamente no».

L’ex Pink Floyd stava partecipando a un incontro di raccolta fondi per la difesa di Julian Assange. Raccontando l’aneddoto ai presenti ha poi definito Zuckerberg «uno degli idioti più potenti del mondo», e si è chiesto: «Come ha fatto questo coglione, che ha iniziato dicendo: È carina, le diamo un 4 su 5, È brutta, le diamo 1. Come ha ottenuto tanto potere?». Riferendosi agli inizi di Facebook, nata come piattaforma per rimorchiare all’interno dei campus americani.

Secondo Waters l’obiettivo di Zuckerberg è «rendere Facebook e Instagram sempre più grandi e potenti per poter continuare a censurare tutti ed impedire che la storia di Julian Assange raggiunga il grande pubblico».

Roger Waters, 77 anni, non è nuovo ad assumere posizioni politiche coraggiose ed in aperto contrasto con il governo inglese e con l’Occidente più in generale. Dichiarato militante pacifista e socialista, ha più volte espresso la propria solidarietà al popolo palestinese e mostrato sostegno ai governi socialisti sudamericani boicottati dagli Usa, come Cuba e il Venezuela.

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

8 Commenti

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Correlati

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI