venerdì 27 Maggio 2022

L’unione fa la forza: il primate più raro del Brasile salvato dall’estinzione

Grazie al successo di un progetto di conservazione, le scimmie tamarino ‘leone nero’ del Brasile, ora, rischiano meno l’estinzione. L’iniziativa, parte di uno studio coordinato dall’Istituto di ricerca ecologica brasiliano, ha previsto la messo a dimora di 2,7 milioni di piante in trent’anni. Coprendo un’area complessiva di 6.000 ettari, il progetto ha migliorato le connessioni tra gli habitat forestali della specie minacciata. Il risultato è stato un miglioramento dello stato di conservazione del primate. Ma non è tutto. Lo studio, inoltre, ha dimostrato che i progetti di conservazione hanno maggiori probabilità di successo se vengono rispettate le esigenze delle comunità locali. Per creare una rete di corridoi forestali sono state infatti consultate le piccole aziende agricole del luogo. Il rimboschimento dell’area è stato così realizzato a partire da queste e con l’aiuto diretto degli agricoltori, donne in particolare.

Da un lato, quindi, la popolazione ha beneficato di entrate economiche extra e di nuovi posti di lavoro. Dall’altro, evitando conflitti con le comunità locali, il progetto si è potuto concretizzare. E il tamarino ‘leone nero’ (Leontopithecus chrysopygus), ora, è un po’ più al sicuro. La specie, considerata estinta per oltre 65 anni, è stata riscoperta solo nel 1970. Endemica della Foresta Atlantica dello stato di São Paolo, la scimmia è tuttavia particolarmente vulnerabile alla deforestazione e conseguente frammentazione. Gli scienziati hanno così deciso di connettere le diverse popolazioni rimanenti di primati attraverso la creazione di corridoi ecologici, ovvero habitat forestali lineari tra un frammento e l’altro di foresta. Senza il coinvolgimento delle comunità locali – spiega Mongabayquesto però non sarebbe stato possibile: il rimboschimento su terreni privati ​​apre ora nuove strade vantaggiose sia per gli agricoltori che per la conservazione della biodiversità.

[di Simone Valeri]

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Correlati

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI