mercoledì 29 Giugno 2022

Foggia: ancora un assalto armato contro i braccianti agricoli

Spari contro alcuni braccianti agricoli nel foggiano, dove due lavoratori sono stati feriti dopo l’esplosione di colpi di fucile indirizzati verso l’auto su cui stavano viaggiando. Il fatto è accaduto in località Borgo La Rocca mentre tre braccianti stavano facendo ritorno dal lavoro nelle campagne del Ghetto di Rignano quando – secondo una prima ricostruzione – sono stati affiancati da un fuoristrada a bordo del quale alcune persone hanno sparato con un fucile, infrangendo il finestrino posteriore del mezzo. Uno dei tre, cittadino maliano di trent’anni, è stato ferito al volto e trasportato all’ospedale Riuniti in codice rosso, dove tutt’ora è ricoverato, ma non è in pericolo di vita. È il secondo attacco contro i lavoratori della terra nelle ultime 48 ore. Ignoto il movente, ma si tratta di fatti che spesso coinvolgono la criminalità organizzata e non di rado arrivano in momenti di rivendicazioni salariali o di diritti da parte dei braccianti, i quali lavorano spesso in condizioni di grave sfruttamento e sottopagati.

A denunciare quanto accaduto è la Lega Braccianti, fondata dal sindacalista e attivista Aboubakar Soumahoro, che chiede chiarezza su di una vicenda che purtroppo non è nuova in queste zone. Il leader sindacalista ha indetto un’assemblea dei braccianti agricoli «perché questi attentati alla vita di uomini e donne, non piegheranno e non fermeremo la nostra lotta per i diritti e per la dignità socio lavorativa di tutte e di tutti. Non c’è consolazione per il dolore e la rabbia provata, ma continueremo a lottare per questo nostro compagno e per tutti quelli che sono stati feriti questa notte nell’agguato». Per protesta la Lega Braccianti ha annunciato uno sciopero che si svolgerà il 18 maggio, data nella quale i braccianti si recheranno a Roma con l’obiettivo di «consegnare al governo gli stivali e gli strumenti da campo» allo scopo di sensibilizzarli sulle condizioni del lavoro agricolo e sulla necessità di istituire nuove leggi e controlli.

Nel 2019 si erano registrati, nel giro di poco tempo, diversi casi di agguato nei confronti dei migranti impiegati nel lavoro agricolo nelle campagne foggiane.

[di Michele Manfrin]

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Correlati

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI