giovedì 8 Dicembre 2022

Usa, misteriosi sciami di droni non identificati hanno sorvolato alcune città

Negli Stati Uniti si è appena conclusa un’operazione congiunta di FBI, aeronautica e FAA (Federal Aviation Administration), avviata per indagare dei misteriosi avvistamenti di droni avvenuti l’anno scorso. Cosa è stato scoperto? Assolutamente nulla, almeno stando alle dichiarazioni ufficiali.

Tra il dicembre del 2019 e il gennaio del 2020, interi sciami di droni sono stati avvistati nei cieli al di sopra degli stati di Colorado, Kansas e Nebraska. Secondo le testimonianze dei locali, i droni comparivano di notte ed erano sorprendentemente grandi e veloci. Volavano in gruppi di diverse decine, talvolta in apparenti formazioni da combattimento. Chi guidava questi droni? Perché molti testimoni hanno riferito di essersi sentiti spiati? Dopo più di un anno e un’indagine governativa, il mistero dei droni notturni rimane irrisolto. Ancora non si sa a chi appartenessero né perché volassero al di sopra di case e fattorie.

In seguito alla pubblicazione di un articolo scritto da Aaron Gordon per Vice poco dopo l’accaduto, si è diffusa la voce che questi droni non fossero mai esistiti. Secondo il giornalista, si tratterebbe di un caso esemplare di isteria di massa. A provarlo sarebbe uno studio empirico che dimostra che le persone ostentano una sicurezza ingiustificata quando identificano un drone, anche se spesso di fatto sbagliano. È però vero che vi sono numerose riprese video dell’evento e ognuno può vedere da sé che quei droni non sono un’invenzione. Secondo il Guardian, una certa dose di isteria c’è comunque stata, almeno in seguito agli avvistamenti: in molti hanno sospettato ci fosse dietro il governo, poteri stranieri, o anche Amazon.

A partire dal 6 gennaio del 2020, è stata creata una task force con l’obiettivo di fare chiarezza sulla questione. FBI, aeronautica e FAA si sono uniti alle forze dell’ordine locali: una squadra di ben 70 persone. L’operazione non è andata però a buon fine: nessun possibile responsabile è stato identificato e molti avvistamenti sono stati smentiti. La task force stessa è arrivata a dubitare dell’intera faccenda. Una delle principali difficoltà è stata ricavare informazioni senza poter guardare da vicino i droni stessi. Probabilmente chiunque li guidasse non lo faceva da terra: i droni sembrano aver volato in una condizione di silenzio radio e quindi di forte autonomia. Considerati gli avanzamenti tecnologici in fatto di droni, potrebbe trattarsi anche di modelli commerciali, che chiunque potrebbe comprare. Oltre all’aviazione, anche Google, Amazon e Uber hanno negato il proprio coinvolgimento.

Nonostante il caso sia stato abbandonato, in molti continuano a preoccuparsi. Continuano ad esserci avvistamenti, segnalati su un apposito gruppo Facebook. Mentre su media e social si alimenta il dibattito. È vero che i droni sono i nuovi UFO, catalizzatori di paure e sospetti infondati? O si tratta di preoccupazioni giustificate? Di certo sull’esistenza dei droni nessuno può dubitare.

[di Anita Ishaq]

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Correlati

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI