fbpx
giovedì 21 Ottobre 2021

La filiera dell’olio di palma è diventata più sostenibile, grazie ai cittadini

L’olio di palma ora grava meno sulla deforestazione del Pianeta. Lo ha dimostrato l’ultimo report annuale dell’ente no-profit Carbon Disclosure Project (CDP). Il documento, elaborando i dati forniti da 687 aziende, ha fatto il punto su tracciabilità ed impegni per rimuovere la deforestazione dalla catena del valore. L’obiettivo di eliminarla entro il 2020 – è emerso – non è stato raggiunto. Ma le campagne di sensibilizzazione hanno avuto gli effetti sperati. L’industria della palma da olio, complici la pressione mediatica e l’impegno dei cittadini, infatti, è risultato l’unico settore in miglioramento. Male, invece, il business dell’allevamento e delle piantagioni di soia. Il 93% delle aziende nel 2020, comunque, ha attuato almeno una delle misure consigliate per limitare la deforestazione.

Palma da olio, prodotti in legno, allevamento, soia, gomma naturale, cacao e caffè, sono i settori che più di tutti concorrono alla deforestazione globale. Le coltivazioni di palma da olio, in particolare, sono state a lungo considerate la principale causa di disboscamento in tutto il mondo. Le aree più colpite sono il Borneo e l’isola indonesiana di Sumatra. Solo in quest’ultima si stima che oltre 123mila chilometri quadrati di terreno siano dedicate alla coltivazione della palma da olio. Le campagne mediatiche e di pressione che negli ultimi anni hanno investito l’olio di palma, tuttavia, hanno rimodellato le scelte dei cittadini e, di conseguenza, il mercato.

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiano né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di “The Week” prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Correlati