fbpx
sabato 23 Ottobre 2021

Il mondo ha iniziato a ridurre le emissioni, ma serve uno sforzo dieci volte maggiore

160 milioni di tonnellate di anidride carbonica l’anno in meno. È questa la quantità di emissioni che 64 paesi hanno tagliato dal 2016 al 2019. Tra questi rientrano le nazioni più ricche del Pianeta e un terzo di quelli a reddito medio. Secondo una ricerca pubblicata su Nature Climate Change, tuttavia, solo moltiplicando per dieci questa riduzione sarà possibile impedire un aumento delle temperature medie inferiore agli 1,8°C. Nei quattro anni precedenti la pandemia, paesi come il Giappone, il Messico e il Regno Unito hanno ridotto le emissioni in modo significativo. Persino la Cina, al primo posto in quanto a tonnellate di CO2 emesse, ha visto crescere le sue emissioni a un tasso minore: 0,4% l’anno, rispetto al 6,2% registrato dal 2011 al 2015. Gli Stati Uniti, invece, hanno registrato un calo dello 0,7% dal 2016 al 2019, rispetto al periodo dal 2011 al 2015. L’inquinamento dell’Unione Europea, nello stesso arco temporale, è diminuito dello 0,9%.

L’analisi non ha però tenuto conto dell’aumento di altri gas serra. Come il metano, che è più dannoso della CO2, anche se per un periodo di tempo più breve. Il pianeta è già 1,1°C più caldo rispetto ai livelli dell’era preindustriale. La pandemia da COVID-19 ha fatto precipitare le emissioni del 7% nel 2020, rispetto ai livelli dell’anno precedente. Tuttavia, poiché i vaccini e le misure igieniche consentono alle economie di riaprire, gli scienziati temono un ritorno più intenso all’uso dei combustibili fossili.

 

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiano né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di “The Week” prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Correlati