fbpx
giovedì 28 Ottobre 2021

Ora lo ammette anche l’esercito Usa: i caccia F-35 non servono a niente

I caccia F-35 hanno fallito nel loro obiettivo principale, sostituire la flotta di F-16 ormai in pensionamento, perché sono aerei «costosi e inaffidabili», che si basano su una tecnologia complessa che soffre di «frequenti bug». Ad affermarlo è direttamente il generale Charles Brown Jr., capo di stato maggiore dell’aeronautica militare americana, in una intervista rilasciata al quotidiano economico Forbes. Secondo quanto specificato nell’articolo i caccia F-35 hanno fallito nell’obiettivo di diventare aerei da combattimento leggeri e multiuso, obiettivo per il quale erano stati progettati, diventando con gli anni sempre più pesanti (25 tonnellate) e costosi (100 milioni di dollari cadauno). Gli F-16 sono in servizio da oltre 60 anni e ne sono stati prodotti oltre mille esemplari, il Pentagono ha stimato che sostituirli in numero e durata con gli F-35 costerebbe 397,8 miliardi $ in sviluppo e addirittura 1.450 miliardi $ per la manutenzione e i costi tecnici.

Già da tempo trapelavano indiscrezioni negative sugli F-35, aumentate dopo che gli Usa avevano deciso di posticipare a data da stabilire i nuovi test, ufficialmente a causa dell’emergenza Covid, ma secondo molti analisti americani a causa dei problemi registrati. L’Italia aderì al progetto di sviluppo degli F-35 già nel 1998. Ad oggi il nostro paese si è impegnato all’acquisto di 26 esemplari, dieci dei quali già consegnati. Secondo una stima del Sole 24 Ore l‘Italia ha già speso circa 4 miliardi per il progetto.

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiano né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di “The Week” prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Correlati