lunedì 4 Luglio 2022

I Benetton continuano a chiedere più soldi allo stato per vendere Autostrade

Sono passati due anni e mezzo dal crollo del ponte Morandi di Genova, poco meno dalla decisione – guidata dal Movimento 5 stelle all’epoca al governo con la Lega – di revocare la concessione autostradale ad Atlantia Spa, l’azienda che fa capo alla famiglia Benetton. Inizialmente i 5S avevano assicurato che avrebbero proceduto alla revoca coatta dell’autorizzazione e i Benetton non avrebbero preso nemmeno un euro. Tuttavia ben presto la questione si è trasformata in una trattativa per rilevare le azioni a prezzo di mercato, o poco meno. Obiettivo divenne acquisire Autostrade a 4 miliardi e nazionalizzarla, creando una public company statale. Ora invece il cda di Atlantia ha rifiutato l’offerta di 8 miliardi della Cassa Depositi e Prestiti del ministero dell’economia, per la cessione del l’88% di Autostrade per l’Italia ritenendo l’offerta inferiore alle aspettative.

A far crollare la trattativa è stato l’azionista di minoranza Spinecap, ritenendo che la valutazione non era coerente né in termini economici né contrattuali e non poteva essere inferiore a 12 miliardi. In particolar modo viene considerata inaccettabile la clausola di indennizzo valutata 1,5 miliardi poiché, come rende noto Atlantia, sono stati pagati dall’azienda 800 milioni per i danni causati dal crollo e per la costruzione del nuovo ponte. Si è creato così un niente di fatto, mettendo Atlantia della in una situazione di vantaggio e difficilmente saranno accettate trattative più basse.

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Correlati

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI