giovedì 18 Agosto 2022

Covid, non tutti sono uguali di fronte al virus: etnia e povertà sono fattori di rischio

L’etnia e la classe sociale di appartenenza sono fattori di rischio che aumentano notevolmente l’esposizione ai rischi pandemici, a dimostrarlo sono ormai diversi studi scientifici. Negli Usa se la mortalità tra i bianchi è di 1 su 825, tra gli afroamericani diventa 1 su 645 e tra gli indigeni 1 su 475. Allo stesso modo, uno studio commissionato dal governo britannico ha certificato che oltremanica i rischi di morire di coronavirus sono più che doppi per un inglese di origine pachistana rispetto ad un connazionale bianco. La stessa disuguaglianza che colpisce le persone a basso reddito e che provengono dai quartieri popolari.

Dati che rendono l’idea di come non sia vero che di fronte al virus tutti siano uguali, e che hanno diverse spiegazioni. La più immediata è che le persone povere, spesso appartenenti alle minoranze, vivono sovente in abitazioni anguste, dove è difficile che un contagiato possa effettivamente rispettare la quarantena. Inoltre, sia per l’alimentazione spesso più povera e basata su prodotti industriali a basso costo, sia per ragioni naturali, gli appartenenti alle minoranze hanno spesso livelli più bassi di vitamina D, fattore che si è dimostrato importante nel superare il contagio con meno probabilità di sviluppare i sintomi della malattia. Fattori di rischio sanitario che si aggiungono a quelli socio-economici: poveri e minoranze sono infatti anche coloro che hanno perso maggiormente il lavoro nella crisi.

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Correlati

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI