fbpx
sabato 23 Ottobre 2021

A 34 anni dal disastro, il grano di Chernobyl risulta ancora contaminato

A 34 anni dal disastro di Chernobyl, il grano cresciuto nelle immediate vicinanze della centrale nucleare risulta ancora contaminato. Lo rivela un nuovo studio pubblicato sulla rivista scientifica Environment International e condotto dai Greenpeace Research Laboratories dell’Università dell’Exeter. Alcuni isotopi radioattivi come lo stronzio 90 e il cesio 137 sono ancora sopra le soglie considerate sicure. Quello di Chernobyl è stato l’incidente più grave nella storia delle centrali nucleari, tanto da rendere necessaria l’evacuazione di una vasta area tra Ucraina e Bielorussia, tutt’oggi disabitata.

I ricercatori, con la collaborazione dell’Ukrainian Institute of Agricultural Radiology, hanno analizzato 116 campioni di cereali, raccolti tra il 2011 e il 2019. Tutti sono stati prelevati da campi distanti circa 50 chilometri dall’impianto nucleare, fuori dalla zona di alienazione (dove è ancora vietato risiedere). Dall’analisi è risultato come quasi tutti i cereali dell’area vedano livelli di contaminazione più elevati rispetto a quelli ammessi dalla legge. Il grano, in particolare, presenta elevate concentrazioni di stronzio 90 e cesio 137. Non è però tutto. Circa il 48% dei vegetali dell’area, presenta livelli 25 volte superiori i limiti di legge consentiti; così come il legname naturale presente nei boschi.

Gli scienziati hanno richiesto al governo di monitorare costantemente la centrale, poiché gli isotopi rinvenuti sono causa di preoccupazione e necessitano una valutazione dei loro effetti, considerati ad oggi ancora sconosciuti.

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiano né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di “The Week” prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Correlati