venerdì 1 Luglio 2022

A 34 anni dal disastro, il grano di Chernobyl risulta ancora contaminato

A 34 anni dal disastro di Chernobyl, il grano cresciuto nelle immediate vicinanze della centrale nucleare risulta ancora contaminato. Lo rivela un nuovo studio pubblicato sulla rivista scientifica Environment International e condotto dai Greenpeace Research Laboratories dell’Università dell’Exeter. Alcuni isotopi radioattivi come lo stronzio 90 e il cesio 137 sono ancora sopra le soglie considerate sicure. Quello di Chernobyl è stato l’incidente più grave nella storia delle centrali nucleari, tanto da rendere necessaria l’evacuazione di una vasta area tra Ucraina e Bielorussia, tutt’oggi disabitata.

I ricercatori, con la collaborazione dell’Ukrainian Institute of Agricultural Radiology, hanno analizzato 116 campioni di cereali, raccolti tra il 2011 e il 2019. Tutti sono stati prelevati da campi distanti circa 50 chilometri dall’impianto nucleare, fuori dalla zona di alienazione (dove è ancora vietato risiedere). Dall’analisi è risultato come quasi tutti i cereali dell’area vedano livelli di contaminazione più elevati rispetto a quelli ammessi dalla legge. Il grano, in particolare, presenta elevate concentrazioni di stronzio 90 e cesio 137. Non è però tutto. Circa il 48% dei vegetali dell’area, presenta livelli 25 volte superiori i limiti di legge consentiti; così come il legname naturale presente nei boschi.

Gli scienziati hanno richiesto al governo di monitorare costantemente la centrale, poiché gli isotopi rinvenuti sono causa di preoccupazione e necessitano una valutazione dei loro effetti, considerati ad oggi ancora sconosciuti.

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Correlati

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI