mercoledì 29 Giugno 2022

Pesticidi in frutta e verdura, quasi la metà dei campioni contiene residui

Secondo il consueto rapporto di Legambiente, oltre la metà dei 5.835 campioni analizzati di frutta e verdura presenta residui di pesticidi. Preoccupano le percentuali nei campioni di frutta: più del 70% ha almeno un residuo di prodotti fitosanitari. Con quantità di residui superiori alle soglie fissate dalla normativa vigente, emerge però che solo l’1,2% dei campioni è fuori legge. I segnali non sono comunque rassicuranti. Il 46,8% dei campioni considerati regolari presenta, infatti, uno o più residui di pesticidi. L’89% dell’uva da tavola, l’86% delle pere, l’83,5% delle pesche e il 76% delle mele sono campioni regolari con almeno un residuo. Per la verdura, se da un lato si registra un incoraggiante 64% di campioni senza alcun residuo, dall’altro preoccupano le significative percentuali di irregolarità in alcuni prodotti, come i peperoni, in cui si registra l’8% di irregolarità, il 6% negli ortaggi da fusto e oltre il 4% nei legumi. Tra i campioni esteri, la Cina presenta il tasso di irregolarità maggiore (38%), seguita da Turchia (23%) e Argentina (15%).

Molti prodotti fitosanitari sono stati classificati come cancerogeni o probabili cancerogeni per l’uomo ma a farne le spese maggiori è, ancora una volta, l’ambiente. Nonostante l’impegno nell’incrementare le produzioni biologiche e nel diminuire l’impiego di pesticidi – si legge nel report – nel 2018 l’Italia si riconferma terza potenza europea per maggior impiego di prodotti fitosanitari, preceduta da Francia e Spagna.

 

 

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Correlati

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI